Outcast – Recensione

1110

\r\n

Copertina Outcast Recensione

[table sort=”desc”]\r\nTitolo,Outcast – Il reietto. Volume Uno: un’oscurità lo circonda\r\nEditore,Saldapress\r\nTesti,Robert Kirkman\r\nDisegni,Paul Azaceta\r\nFormato,Brossura\r\nPrezzo,€ 14,90\r\nData di Uscita,2015\r\n[/table]

\r\n

ULTIME RECENSIONI

Elliot: il nuovo supereroe che viene dal web

Torniamo sempre molto volentieri a parlare di Wilder, la piattaforma online dove - settimana dopo settimana - i lettori possono leggere gratuitamente capitoli sempre nuovi di webcomic...

Killer, supereroi e citazioni: il mondo di Stefano Labbia

Un assassino prezzolato, un eroe in grado di far materializzare qualsiasi cosa gli viene in mente. Ecco Kimberly e Kremisi, i due massimi rappresentanti degli...

Torna a Terlizzi il Chiù, Festival di illustrazione e dintorni

Dal 29 luglio al 4 agosto torna il CHIU' - Festival di illustrazione e dintorni al MAT Laboratorio Urbano di Terlizzi, realizzato con le...

Torna a Terlizzi il Chiù: tra gli ospiti, Ratigher e Davide Toffolo

Laboratori, mostre, teatro, concerti e tanti ospiti del mondo del fumetto e dell'illustrazione: torna per il terzo anno consecutivo il Chiù, festival di illustrazione...

“Frantumi” di Masi e Petruccioli: quando il fumetto diventa poesia

Si dice che quello che non ti distrugge ti rende più forte. Ma se ogni perdita ci riduce a pezzi, c'è chi – per...

Outcast è una graphic novel nata dalla vena creativa orrorifica di Robert Kirkman, creatore anche del celeberrimo The Walking Dead e del suo spin-off Fear the Walking Dead, entrambi diventati show di successo sul canale americano FOX. La prima stagione di Outcast, invece, debutta negli USA e in Italia dal 3 giugno su Cinemax. In vista dell’avvenimento e considerate le aspettative per la serie TV (che dal trailer e dalle immagini promozionali sembra estremamente fedele all’opera originale), una recensione del primo volume del nuovo fumetto di Kirkman appare doverosa.\r\n\r\nOutcast-02\r\n\r\nIl primo capitolo di Outcast delinea un’epocale battaglia per le anime immortali degli umani, corrotte dentro e fuori da quella che, sulle prime, sembra essere una misteriosa presenza satanica.\r\n\r\nLa storia si incentra, infatti, su dei fenomeni di possessione demoniaca che si verificano in una cittadina del West Virginia e che hanno al loro centro Kyle Barnes, un ragazzo emarginato, un reietto (outcast per gli anglofoni) della società con un’infanzia e una gioventù difficili alle spalle di cui ancora porta addosso i dolorosi segni.\r\n\r\nSenza essersene reso conto, Kyle, infatti ne ha giá vissuti due di casi di possessione, su due delle donne a lui più care. È, però, solo quando il terzo fenomeno avviene vicino a lui che il ragazzo comincia a capire che forze ben più grandi di quelle terrene sono all’opera per fargli del male. Nella sua lotta per salvare i posseduti e per trovare delle risposte al perché essi lo tormentano, Kyle verrà aiutato da un sacerdote ed esorcista, il Reverendo Anderson. Insieme, i due uomini si avvieranno su una china pericolosa e nerissima in cui il male tenterà di ferirli ad ogni passo falso e in cui niente è ciò che sembra.\r\n\r\nOutcast, giá dalle primissime pagine, si configura come una storia cruda, spietata ed esplicita. Le tavole sono spesso scure, macchiate qua e là dal sangue spillato dal corpo dei posseduti mentre i volti dei personaggi appaiono stravolti e contorti in espressioni di puro sgomento o malvagità.\r\n\r\nLungi dall’essere una lettura leggera, Outcast risulta però sicuramente un prodotto accattivante e sebbene lento e pensoso in alcuni tratti, non manca mai di intrattenere con i suoi exploit violenti e le sue curatissime atmosfere horror.\r\n\r\noutcast\r\n\r\nPunto fondamentale di questo primo volume è che crea ampio spazio di manovra per il suo talentuoso scrittore per far evolvere la vicenda ed il suo personaggio insieme ad essa. Già dalle prime pagine, Kyle appare, infatti, andare incontro ad una crescita personale profondissima e sembra imparare in fretta ad affrontare i suoi demoni, sia quelli interiori che quelli in carne ed ossa. L’eroe, anzi l’anti-eroe complesso e vulnerabile che è Kyle, già solo nel tempo di un primo arco narrativo si evolve, quindi, drammaticamente.\r\n\r\nDavanti al convincente coming of age del suo protagonista e al cambio di registro sulle ambientazioni (addio zombie idrofobi e benvenuti posseduti idrofobi ma introspettivi) compiuto da Kirkman rispetto ai suoi due altri popolari show, lo scrittore apre un mondo di possibilità interessanti e inesplorate sia per il sua carriera che per i suoi lettori/spettatori. Dopo un esordio così e in attesa del debutto televisivo del 3 giugno, il nostro consiglio è quello di fare un investimento: correre in fumetteria ad aggiungere un altro Kirkman alla vostra collezione.

\r\n\r\n

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here