Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

Ergastolo. La strage di Palagiano del 17 marzo 2014, nella quale fu ucciso il piccolo Domenico Petruzzelli, di soli due anni e mezzo, ha un colpevole, per la Corte d’Assise di Taranto. Si tratta di Giovanni Di Napoli, detto Nino il Calabrese, a capo della mala locale, ritenuto il mandante del triplice omicidio della Statale 106, che vide assassinati, crivellati di colpi, anche Carla Maria Fornari, la madre del piccolo Dodò, e il compagno di lei, Cosimo Orlando, che teneva in braccio il bambino.

Erano tutti a bordo della Matiz rossa, trovata dai carabinieri a bordo strada, quella notte. All’interno c’erano anche i due fratellini del piccolo, seduti sul sedile posteriore dell’utilitaria e scampati per puro caso alla furia omicida degli assassini comandati da Di Napoli. Di quella strage mancano ancora, però, i nomi di chi ha sparato.

Il movente sarebbe legato, come sostenuto dalla procura, a contrasti personali tra Di Napoli e Orlando, quella sera riaccompagnato in carcere, dovuti a dissidi, vecchie acredini e questioni riconducibili anche alla pregressa relazione tra il mandante e Carla Maria Fornari.

La Corte ha condannato anche Giuseppe Ruffano a quattro anni di reclusione, in concorso con Di Napoli, per il furto dell’auto, che sarebbe stata usata come mezzo di copertura quella notte, e a due anni, con pena sospesa, Antonio Valente e Antonio Daraio, accusati di favoreggiamento personale.

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui