Cabtutela.it
acipocket.it

Il parcheggio è a pagamento ma la spiaggia di Torre Quetta non è ancora stata predisposta per la bella stagione. Sono in corso le procedure per l’affidamento della nuova gestione e nel frattempo i baresi si ritrovano a pagare il parcheggio a tre euro senza però poter usufruire di un lido preparato, pulito e servito.

Il problema però non è solo sulla spiaggia. Come ci denuncia un lettore anche la stazione, inaugurata un anno fa, versa in una completa condizione di abbandono: sporca, piena di erbacce e di insetti. “Questa stazione – denunciano gli assidui frequentatori –  non è stata  mai pulita, mai manutenuta. Le piante sono morte a causa di una mancata attivazione dell’impianto di irrigazione. All’inaugurazione di 1 anno e mezzo fa erano presenti tutti, ora è uno schifo senza fine ed i sottopassi frequentati dai dipendenti della Regione sono un vomito e siamo a maggio dove la stagione balneare dovrebbe essere a pieno regime ed invece anche la spiaggia non è fruibile”.

Sulla questione interviene anche la consigliera comunale Irma Melini. “A che serve fare le Giunte territoriali? Basta prendere in giro i baresi. Durante l’ultima Giunta territoriale, quella di Japigia, i residenti del Primo Municipio hanno segnalato lo stato di degrado in cui versa la stazione di Torre Quetta così come le condizioni ormai insostenibili della passerella pedonale di Viale Imperatore traiano. Tutto è rimasto come prima per Decaro e le sue “promesse da marinaio”.
In quella Giunta – continua – erano presenti oltre al Sindaco, anche Galasso e la presidente Paparella. Ecco, non solo trovo assurdo che debbano essere sempre i baresi o i consiglieri di opposizione a segnalare ciò che non va, ma per di più non si pone rimedio? Decaro non ha compreso che la sua squadra di governo lo sta facendo affondare a picco. Speriamo che domani vadano a pulire, visto che paghiamo le tasse e vorremmo i servizi”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui