Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Domani alle 12.30 il neo presidente De Laurentiis incontrerà il sindaco Decaron per presentare la società SSC Bari

Poco dopo le 21 il sindaco Antonio Decaro, dopo un lungo discorso, ha annunciato il nome del nuovo proprietario del Bari calcio: è Aurelio De Laurentiis, patron del Napoli. Il nuovo club quindi si chiamerà Ssc Bari.

Questo era l’elenco completo delle 11 proposte arrivate al Comune di Bari per ottenere il titolo sportivo:

 

  1. SSC Bari (Aurelio De Laurentiis)
  2. ASD Bari Calcio (Vito Luigi Blasi)
  3. Costituenda (Paolo Di Nunno)
  4. Costituenda (Enrico Preziosi)
  5. AS Bari Calcio Academy (Francesca Ferri)
  6. ASD Bari 1908 (Nicola Canonico)
  7. Sportman Srl (Alessio Sundas)
  8. AS Bari 1908 (Fulvio Monachesi)
  9. SS Bari 1908 (Gianvito Giannelli – Imprenditori baresi)
  10. SS La Bari 1908 Srl (Claudio Lotito)
  11. Costituenda (Consortium Djarum)

Prosegue, intanto, l’esame, il sindaco Antonio Decaro ha annunciato che manca l’analisi di tre proposte. Della commissione istruttoria esaminatrice degli undici progetti pervenuti fanno parte: Davide Pellegrino, direttore generale del Comune, Pompeo Colacicco, direttore della ripartizione Urbanistica del Comune, Giuseppe Ninni, direttore della ripartizione Ragioneria del Comune, Domenico Costantino, accademico dell’Università di Bari, e Roberto Maffei, dentista ed ex capo ultras della curva nord del Bari. L’avviso pubblico del 23 luglio scorso prevede questo iter decisionale: “Il Comune – è detto in una nota – procederà, anche avvalendosi dell’istruttoria di apposita commissione, a suo insindacabile giudizio, alla valutazione delle proposte ricevute, verificandone la completezza e adeguatezza, ai fini dell’accreditamento della società presso la Federazione Italiana Giuoco Calcio, restando inteso che l’accettazione spetterà esclusivamente alla Figc”.

“Lavoreremo interrottamente – ha detto Decaro – finché individueremo il proponente che avrà dimostrato maggiore solidità economica e il miglior progetto dal punto di vista sportivo. La commissione farà solo un’istruttoria, la responsabilità delle scelta, così come previsto dalle norme della FIGC, è in capo al sindaco ma mi farò aiutare da un gruppo di lavoro, esperti in bilanci, impianti sportivi e gestione di attività sportive. I criteri che saranno presi in considerazione – ha concluso – sono il business plan e il progetto sportivo triennale che deve coinvolgere la città attraverso i giovani e le donne”.

Ore 13.30

I Seguaci della Nord sono in strada in attesa di notizie dal Comune. “Siamo qui in attesa per vigilare, per il bene del Bari.Ci auguriamo che la nuova presidenza sia chiara sin da subito. Non accetteremo che altri sciacalli usurpino la nostra maglia e la nostra storia. Siamo pronti ad affrontare la serie D”.

Ore 12.50

Sono undici le proposte arrivate in Comune per partecipare alla manifestazione di interesse. Ora si riunirà la commissione per scegliere la più idonea ed affidare il titolo sportivo del Bari. “Ora si sta insediando la commissione – spiega il direttore generale Davide Pellegrino (in foto) – con cinque componenti esperti di diritto calcistico. I parametri di scelta saranno quelli previsti dalla manifestazione di interesse. Dobbiamo capire se sta un progetto, un business plan”.

Ore 12

Chiusi i termini per la partecipazione alla manifestazione di interesse per il titolo sportivo del Bari Calcio. Si attende l’ufficializzazione sul numero delle proposte arrivate, che dovrebbero essere non inferiori a otto. La commissione si riunirà a porte chiuse dalle 12.45 per cercare di raggiungere il verdetto entro stasera.

Ore 11.30

“Anche la Sport Man, per conto di una multinazionale italiana intenzionata ad investire nel calcio, ha presentato la proposta di acquisizione del Bari Calcio per riportare il club biancorosso sui palcoscenici calcistici che merita”. L’annuncio è dell’agente Alessio Sundas, titolare della Sport Man Procuratori Sportivi, agenzia che ha inviato una lettera ufficiale al sindaco di Bari, chiedendo di partecipare con una propria offerta alla scelta che la Commissione comunale effettuerà nei prossimi giorni.
“Cogliamo l’occasione – sottolinea Sundas – per ricordare che lo scorso 17 luglio ci eravamo fatti avanti, per primi, proponendo un incontro per valutare se esistessero le condizioni sia della cessione delle quote societarie, sia disottoscrivere un accordo che permetterebbe di individuare sponsor di alto livello che promuoverebbero i propri brand sulle casacche della gloriosa società pugliese che vanta 110 anni di storia. Ora prendiamo atto che nomi eccellenti del calcio italiano, come De Laurentis e Lotito, si stanno facendo avanti per risollevare il Bari Calcio dal baratro, ne siamo felici per i tifosi pugliesi ma chiediamo al sindaco di non sottovalutare anche la nostra proposta. Peraltro, saremmo anche lieti di mettere a disposizione dei futuri proprietari del Bari Calcio il nostro pacchetto di proposte economiche e tecniche. La Sport Man Procuratori Sportivi vuole contribuire al rilancio della società bianco rossa per un rapido ritorno del Bari in Serie A. Platea che la passionale tifoseria biancorossa merita”. Salgono a otto le società che avrebbero presentato domanda.

Ore 11

“Non ritengo corretto stare dalla parte di chi propone un progetto e in qualche modo anche dalla parte di chi lo riceve”. Così Mimmo Di Paola ha presentato oggi le dimissioni da consigliere comunale, dopo la sua adesione alla cordata di imprenditori per salvare il Bari. “Non desidero si possa supporre – scrive ancora – che la mia iniziativa persegua scopi quali visibilità o consenso elettorale ben diversi dalla sana passione e dall’impegno civico che rappresentano l’unica finalità alla base della mia azione”.

Ore 10

Mancano due ore allo scadere del termine per la partecipazione alla manifestazione di interesse per acquisire il titolo del Bari Calcio e, notizia di ultima ora, sembrerebbe che ad affacciarsi ci sarebbe anche il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Secondo quanto riportato oggi da La Gazzetta dello Sport il patron del Napoli avrebbe costituito  la ‘Società Sportiva Città di Bari’, con l’idea poi di creare una sorta di asse delle squadre del Sud con il Napoli. In corsa fino ad ora ci sono quindi sette società: SS Dilettantistica Bari – (cordata di otto imprenditori locali), la  As Bari 1908 – Fulvio Monachesi-Enrico Tatò, la Asd Bari 1908 – Nicola Canonico (Maiellaro, Lopez, Tovalieri, Armenise), la Bari Calcio Academy dell’avvocato Francesca Ferri, la Asd Bari Calcio di Luigi Blasi, la società di Claudio Lotito e quella di Aurelio De Laurentiis.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui