Cabtutela.it
acipocket.it

Nuovo capitolo sulla “palazzina della morte”, l’edificio di via Archimede, a Japigia, così ribattezzato perché dal 1990 ad oggi sono stati registrati 27 casi di tumore, alcuni dei quali purtroppo mortali. In 7 mesi solo un cittadino ha aderito ai controlli specialistici gratuiti.

Dal dicembre 2018 il governatore Michele Emiliano ha invitato i cittadini residenti a recarsi presso l’IRCCS Oncologico “Giovanni Paolo II” di Bari, hub di riferimento per la Rete Oncologica Pugliese, per richiedere senza oneri aggiuntivi, gli approfondimenti diagnostici più appropriati.

“Purtroppo – scrive il direttore generale, Vito Antonio Delvino – in questi mesi solo una persona si è rivolta alla Direzione aziendale ed ha usufruito di una serie di indagini che, per fortuna, ha escluso la presenza di una malattia oncologica”.

Così è stato richiesto di invitarli personalmente a sottoporsi ad opportuni approfondimenti diagnostici miranti ad individuare eventuali forme tumorali che non abbiano ancora indotto alcuna sintomatologia. I residenti saranno sottoposti a sottoporsi ad una serie di esami definiti da una equipe di Oncologi guidata dal dr. Geni Palmiotti.

La ricerca sarà finanziata con parte dei fondi pervenuti all’IRCCS grazie alle donazioni derivanti dal “5 per mille” relativo all’anno 2017”. Lo dichiara Vito Antonio Delvino direttore generale dell’Irccs Giovanni Paolo II di Bari.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui