Cabtutela.it

Originario dell’America del Sud e delle Antille, contiene una percentuale di vitamina C quattro volte superiore rispetto a quella presente negli stessi agrumi: parliamo del peperone, ortaggio dai colori accesi e vivaci, importato in Europa prima del sedicesimo Secolo e, fino ad allora, totalmente sconosciuto nel Vecchio Continente. Capace di aumentare la resistenza alle infezioni, di irrobustire i muscoli e favorire l’assorbimento di ferro, e non solo: tantissime sono, anche le proprietà nutritive del peperone. L’ortaggio, soprattutto nella stagione estiva, ha alte capacità di reintegrazione di acqua e sali minerali, tra cui il fosforo. Inoltre, grazie all’apporto di Vitamina A e alle loro proprietà antiossidanti, i peperoni sono utili nella prevenzione di radicali liberi.

Secondo gli esperti, inserire nel proprio piano alimentare i peperoni, previene le malattie dell’invecchiamento della pelle, oltre che tumori e malattie cardiovascolari. Ma le proprietà benefiche di questo alimento non si fermano qui: i peperoni contengono, infatti, le vitamine del gruppo B, E, J e K. Inoltre sono ricchi di fibre, carotene e potassio, utili per la diuresi e dunque per le corrette funzioni urinarie e del transito intestinale. Infine, ma non perché meno importante, un’altra sostanza preziosissima presente nel peperone è la capsacina, che ha proprietà antibatteriche, antidiabetiche, analgesiche e antitumorali. Certo è che, se prima era possibile trovarlo solo in estate, adesso il peperone è presente quasi tutto l’anno in commercio.

Non sempre risulta facile da digerire poiché la fibra della buccia dei peperoni, soprattutto di quelli non maturi, è cellulosa, pertanto, se non scartata, può rallentare e rendere più difficoltoso il processo digestivo. Inoltre, l’alimentazione moderna è molto cambiata nel tempo e porta, sempre più spesso, a consumare prodotti della famiglia delle solanacee, di cui fa parte anche il peperone, che contengono al loro interno solanina. Quest’ultima, se assunta in dosi elevate, può risultare persino tossica per il corpo che, spesso, ne diviene intollerante. Esistono però tanti modi per cucinare e rendere appetibile il peperone, oltre che facilmente digeribile per tutti. Ecco due ricette semplici e veloci per portare questo ortaggio in tavola.

Pasta con crema di peperoni 

Dopo aver provveduto a ripulire per bene i peperoni e ad eliminare dall’interno tutti i semi, tagliare questi ultimi a pezzettini. Far rosolare in una padella, a fuoco lento, aglio, olio e prezzemolo. Non appena l’aglio si sarà dorato, aggiungere i peperoni a pezzetti e qualche pomodorino (quattro o cinque al massimo). A seconda dei gusti si può inserire anche una punta di peperoncino. Far cuocere fino a quando non saranno appassiti e non risulteranno, dunque, rosolati al punto giusto.

Non appena finiti questi passaggi, inserire i peperoni all’interno di un frullatore e passare l’ortaggio fino a quando non risulta cremoso. Intanto cuocere la pasta. È possibile scegliere il tipo di pasta che è di proprio gradimento, seppur il consiglio è di gustare questa ricetta con penne o linguine. Non appena la pasta è pronta, versarla in una padella e aggiungere, oltre alla crema di peperoni, anche della panna (a seconda dei propri gusti: per un piatto più genuino è consigliabile escludere questo ingrediente). Far cuocere per pochi minuti mescolando per bene il tutto ed ecco servita la prima pietanza.

Peperoni ripieni

Un’altra ricetta facile e veloce è sicuramente quella dei peperoni ripieni. Il procedimento è semplice: dopo aver lavato i peperoni, svuotandoli di tutti i semi, è possibile riempirli con ingredienti di vario tipo. Tra le varianti, consigliamo di provare i peperoni ripieni di tonno. Per preparare il ripieno basterà frullare del tonno sgocciolato con fette di pane private della crosta, aggiungendo un uovo.

Versare in un tegame i peperoni e cuocerli per 40 minuti circa a 200 gradi.  A seconda dei gusti è possibile cuocere i peperoni versando sul fondo del tegame del vino bianco. Intanto, tagliare a pezzettini molto piccoli della scamorza affumicata. Non appena i peperoni saranno pronti, a forno ancora acceso, aggiungere la scamorza e spezie a proprio piacimento, lasciando cuocere ancora per 5 minuti.

 

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui