È Bari la città italiana scelta da Lonely Planet (www.lonelyplanetitalia.it) tra le migliori destinazioni in Europa del 2019. Questo secondo “Best in Europe 2019”, la classifica delle 10 destinazioni europee da non perdere che ogni anno in primavera viene pubblicata da Lonely Planet, presentata il 21 maggio a Villa Bardini, a Firenze. Esulta il sindaco Antonio Decaro con un post su facebook.

«Voglio dedicare questo prestigiosissimo riconoscimento a tutti quelli che, tra i miei concittadini, ogni giorno, rispettando e amando la loro città, hanno contribuito a trasformarla da anonimo capoluogo di provincia, di cui non si conosceva bene nemmeno la posizione sulla cartina geografica, a una grande star del turismo internazionale.

Bari oggi dimostra che non esistono storie già scritte per chi ha il coraggio e la forza di alzare la testa, di lottare, di credere nei propri valori, nella bellezza, nella cultura, nell’accoglienza.

Ci dicevano: “Al Sud non esiste il lavoro di squadra”. E noi abbiamo risposto lavorando gomito a gomito con la Regione Puglia, con le associazioni di categoria, con le strutture ricettive e con il sistema pubblico e privato dei trasporti. Ci dicevano: “Non siete maturi per accogliere grandi eventi internazionali”. E noi abbiamo risposto ospitando il G7 delle Finanze, l’incontro di Papa Francesco con i patriarchi delle chiese del Mediterraneo e tantissime manifestazioni sportive di livello europeo e mondiale. Ci dicevano: “La vostra festa del patrono è solo una sagra di paese”. E noi abbiamo risposto trasformandola in un evento spettacolare capace di portare nelle strade di Bari trecentomila persone, provenienti da tutto il mondo.

Ai pregiudizi e agli stereotipi sui “terroni” noi abbiamo risposto trasformando Bari in una capitale del turismo del sud Europa. Ma attenzione: oggi festeggiamo questo traguardo, ma da domani siamo già pronti a ripartire. Perché il futuro di Bari è appena cominciato».

Ecco la classifica Lonely Planet (www.lonelyplanetitalia.it) Best in Europe 2019, delle 10 destinazioni europee da non perdere, presentata il 21 maggio a Villa Bardini a Firenze. 1) ALTI TRATA, SLOVACCHIA – Offre un paesaggio mitico dove «il salix nivalis ammanta le pendici e animali temibili pattugliano le foreste». 2) MADRID, SPAGNA – «Tornando al ritmo di sempre con rinnovato vigore… la vita notturna, tra le migliori d’Europa, continua a migliorare» e un’enfasi sulla quotidianità sostenibile ha portato alla pedonalizzazione su vasta scala, alla realizzazione di piste ciclabili e reti di noleggio, all’estensione dei percorsi pedonali, e a nuovi controlli sulle emissioni dei veicoli, che stanno di fatto trasformando la città«. 3) ARCTIC COAST WAY, ISLANDA – »Incantando con le meraviglie naturali per le quali l’Islanda è giustamente famosa – fragorose cascate, colossali ghiacciai, bollenti fumarole – e con infinite opportunità di attività sportive sulla neve, osservazione della fauna selvatica e avventure nella natura selvaggia… il meglio dell’Islanda, senza le folle di turisti«. 4) ERZEGOVINA, BOSNIA-ERZEGOVINA – Gironzolate nelle vie della medievale Poitelj, esplorate le gallerie del vento carsiche a Vjetrenica oppure fate un’escursione a piedi fino a Lukomir, un tradizionale villaggio di montagna e fatevi un giro in sella sulla pista ciclabile Ciro. In questo modo avrete una nuova prospettiva di questa regione estremamente fotogenica. 5) BARI, ITALIA – »Sta vivendo la sua primavera… il rinvigorito centro storico dà il ritmo, i negozi chiusi si trasformano in ristoranti a conduzione familiare… riaprono gli spazi culturali, dal ricercato Teatro Piccinni agli storici alberghi già condannati all’oblio come l’Oriente«. 6) SHETLAND, SCOZIA – Coloro che si avventurano verso il punto più a nord della Gran Bretagna saranno ricompensati con »magnifici sentieri litoranei« potranno »osservare lontre e orche« e rilassarsi nei »favolosi locali che servono fish and chips e magari un bicchierino o due di whisky offerti da uno dei simpatici e fieri abitanti delle isole«. 7) LIONE, FRANCIA – Determinata a diventare la nuova perla francese dei visitatori internazionali, farà il passo decisivo verso i riflettori globali ospitando le finali della Coppa del Mondo femminile FIFA a luglio. »Bellissima«, »ossessionata dal cibo« e »colta«, la città ha persino ricevuto una nomina da parte dell’Unione Europea a capitale del turismo intelligente, per il suo impegno relativo al turismo accessibile e sostenibile. 8) LIECHTENSTEIN – Esplorate a piedi un intero paese in un weekend grazie al Liechtenstein Trail. Inaugurato come parte dei festeggiamenti per i 300 anni del principato, questo pittoresco percorso escursionistico di 75 km »che si snoda tra vette e pascoli« toccando tutti gli 11 comuni del paese. 9) VEVEY, SVIZZERA – A Vevey salteranno più tappi che mai durante l’evento vinicolo Fete des Vignerons, celebrata solo ogni vent’anni, che si terrà a luglio per tre settimane. I visitatori potranno riempire le loro pance in uno dei tantissimi ristoranti di qualità della città vecchia, che offrono di tutto: dai menù degustazione di venti portate all’economica e conviviale fondue, prima di smaltire il cibo con una nuotata nel lago. 10) ISTRIA, CROAZIA – Offre storia (l’imponente Anfiteatro Romano di Pula e i mosaici di Pore, dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, giusto per un assaggio), spiagge, un itinerario ciclabile da gourmet in primavera, festival musicali in estate ed escursioni alla ricerca dei tartufi in autunno. Per di più l’aumento dei collegamenti aerei con il resto dell’Europa renderanno questa penisola a forma di cuore ancora più facile da raggiungere.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here