Cabtutela.it
acipocket.it

E’ un tipo d’intervento che viene utilizzato per la correzione delle palpebre inferiori (blefaroplastica inferiore) e/o superiori (blefaroplastica superiore). Si effettua quando un paziente presenta o un eccesso di cute o borse adipose ben rappresentate. Serve a correggere un aspetto stanco dello sguardo che rappresenta un segno dell’invecchiamento del volto. Il risultato finale consiste generalmente in un aspetto più riposato e fresco. Tuttavia la blefaroplastica non riesce a correggere le cosiddette “zampe di gallina” o ad eliminare i cerchi neri intorno agli occhi.\r\n\r\nI migliori candidati per un intervento di blefaroplastica sono quei pazienti che desiderano migliorare il loro aspetto fisico, con prospettive realistiche. Molti di loro hanno 35 anni o più, ma talvolta possono essere più giovani soprattutto quando hanno una storia familiare di “borse” palpebrali.\r\nLa guarigione è un processo graduale che si attua nell’arco di mesi. Dopo 2 settimane generalmente non si rende conto dell’intervento subito. La cicatrice però prima che diventi una linea bianca, quasi invisibile, impiega non meno di 6 mesi. I risultati di ringiovanimento e freschezza dureranno per anni e per molti pazienti questo può essere un intervento definitivo.\r\nLa blefaroplastica può cambiare l’aspetto e restituire quella self-confidence perduta.\r\n\r\nDurante la prima visita verrà attentamente valutata l’ unità estetica periorbitaria, le sue caratteristiche e le relative proporzioni con le altre unità estetiche del volto. Si eseguirà un’ accurata valutazione della cute e del suo stato e una anamnesi approfondita per escludere patologie di base importanti che possano inficiare i risultati dell’intervento.\r\nGeneralmente si viene operati in regime di Day-Surgery (dimissione nello stesso giorno) I portatori di lenti a contatto, dovranno sospenderne l’uso per almeno 2 settimane.\r\n\r\nL’intervento di blefaroplastica richiede da una a tre ore in relazione al numero di palpebre da operare (soltanto due o tutte e quattro). Le incisioni vengono eseguite lungo le linee naturali e si estendono sino alle “zampe di gallina” subito al di fuori dell’angolo esterno dell’occhio. Viene rimosso quindi il grasso in eccesso, responsabile delle “borse” palpebrali, ed eventualmente la cute se è in eccesso. Talvolta anche il muscolo orbicolare viene rifilato. Le incisioni vengono quindi richiuse con suture intradermiche particolarmente delicate.\r\nLa blefaroplastica viene generalmente eseguita in Anestesia Locale, al massimo accompagnata da una sedazione (per i pazienti più ansiosi). Il dolore normalmente è di lievissima entità e viene ben controllato dagli analgesici.\r\n\r\nNel caso di blefaroplastica completa, c’è aumento della lacrimazione per alcuni giorni, temporanei problemi di visione (fastidio alla luce).\r\nI punti di sutura vengono rimossi da 3 a 7 giorni dopo l’intervento. Sarà poi buona norma tenere, nell’immediato post-operatorio e per almeno 2 o 3 giorni, la testa sempre sollevata, anche a riposo, per contenere il gonfiore e le ecchimosi, che sono comunque frutto di una reazione assolutamente individuale. Le ecchimosi tendono a scomparire generalmente entro 2 settimane, si potrà riprendere a guardare la televisione dopo 2 o tre giorni, mentre per la lettura sarà opportuno attendere almeno 6-7 giorni. Molti pazienti si sentono in grado di riprendere la loro attività e di tornare al lavoro anche dopo 8-10 giorni, magari coprendo con un correttore e del make-up i segni dell’ ecchimosi ancora presenti.\r\nE’ buona norma per tutti comunque astenersi per almeno 7 giorni da qualsiasi attività, soprattutto sportiva.\r\nLe complicanze sono estremamente rare, l’importante è affidarsi sempre nelle mani di chirurghi plastici esperti e sottoporsi a tale procedure in ambienti sanitari adeguati


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui