Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Il primo Comune a inviare la direttiva a tutte le scuole in merito al nuovo decreto legge che impone l’obbligatorietà di 12 vaccini per i bambini è stato quello di Foggia. Ieri la dirigente del servizio scolastico amministrativo – Scuole dell’Infanzia, Gloria Fazia, ha emesso una nota relativa ai primi adempimenti. Nel documento si invitano i genitori degli alunni iscritti nelle scuole comunali dell’infanzia per l’anno scolastico 2017/2018 a presentare all’ufficio Iscrizioni della direzione delle scuole comunali dell’infanzia in via Ugo La Malfa 8/A, entro il 12 settembre prossimo, i seguenti documenti:

  • Idonea documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie previste dal decreto-legge in base all’età: copia del libretto delle vaccinazioni vidimato dal competente servizio della ASL oppure attestazione avente data certa rilasciata dal competente servizio della ASL riportante l’elenco delle vaccinazioni effettuate;
  • L’esonero, l’omissione o il differimento delle vaccinazioni obbligatorie
  •  La formale richiesta di vaccinazione presentata all’Azienda Sanitaria Locale territorialmente competente, recante attestazione (con data certa) di avvenuta ricezione da parte del competente servizio della ASL.

Secondo quanto stabilito dal decreto, i nati dal 2012 al 2016 devono assolvere agli adempimenti documentali relativi ai vaccini anti-epatite B, anti-tetano, anti-poliomelite, anti- difterite, anti-pertosse, anti- Haemophilus  influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-meningococco C.

Chi non sarà vaccinato non potrà iscriversi negli asili nido e scuole materne. Mentre per le scuole dell’obbligo i genitori rischiano sanzioni, ma l’iscrizione sarà garantita.

Anche il Comune di Bari si muoverà in merito, in base alle eventuali difficoltà che potranno incontrare i dirigenti sulla documentazione da ricevere da parte dei genitori. “Siamo pronti ad intervenire con circolari o quant’altro – spiega l’assessore all’Istruzione, Paola Romano – la legge va rispettata e i dirigenti dovranno quindi adeguare le iscrizioni in base alla ricezione di tutta la documentazione”.

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui