SABATO, 25 MAGGIO 2024
73,398 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
73,398 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

La molestia sui social non è reato: le novità

Ecco cosa dichiara la Cassazione

Pubblicato da: redazione | Mar, 3 Ottobre 2023 - 17:06
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

Non integra il reato di molestie su Instagram e Facebook. Lo ha chiarito la Corte di cassazione, con la sentenza 40033/23 pubblicata il 3 ottobre 2023 dalla prima sezione penale. Accolto il ricorso dell’imputata: è assolta perché il fatto non sussiste mentre il sostituto pg concludeva per l’inammissibilità. Cade la condanna a due mesi d’arresto inflitta dalla Corte d’appello di Caltanissetta, che pure ha riqualificato l’originaria imputazione di stalking: la donna invia messaggi su Facebook e Instagram ai genitori adottivi dei suoi figli naturali, chiedendo anche l’amicizia social ai ragazzi e postando sui social foto degli interessati sotto la scritta «i miei figli». La norma che persegue le molestie risale al 1930: si tratta dunque di capire se e quanto può comprendere le modalità d’interferenza non gradita nelle vite altrui create dallo sviluppo tecnologico e non prevedibili dal legislatore dell’epoca.

Ad avviso del Collegio di legittimità, infatti, di cui ha scritto il sito Cassazione.net, il motivo è fondato e, al riguardo, hanno ricordato che “Da una parte l’espressione «col mezzo del telefono» utilizzata dalla disposizione va intesa come riferita all’utilizzo delle linee e non dell’apparecchio come dispositivo elettronico in quanto tale; dall’altra la messaggistica istantanea può arrecare molestia soltanto se il mezzo utilizzato risulta invasivo esattamente come la chiamata telefonica cui il destinatario non può sottrarsi (se non disattivando l’apparecchio). Il fatto che il titolare del profilo social possa disattivare le notifiche dei messaggi in arrivo gli consente invece di sottrarsi a un’istantanea comunicazione molesta che giunge in un momento improvviso e non regolabile dal destinatario. E l’attivazione dei sistemi di alert, o di preview come l’anteprima dei messaggi WhatsApp sul display dello smartphone, è una circostanza che dipende dal soggetto che riceve e non dal mittente”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Parte da Molfetta il tour del...

Sabato 25 maggio, al Bloom beach bar di Molfetta (Ba) si...
- 25 Maggio 2024

Frode sui bonus edilizi, maxi sequestro...

I Finanzieri della Tenenza di Porto Cesareo, alle dipendenze del Comando...
- 25 Maggio 2024

Bari, Debutto nazionale al Kismet per...

Il programma del festival di teatro per le nuove generazioni organizzato...
- 25 Maggio 2024

Violenza sessuale su 11enne all’uscita di...

La Polizia di Stato ha arrestato un settantaduenne che ha palpeggiato...
- 25 Maggio 2024