Cos’è l’inferno? Una camera da letto in cui due donne e un uomo sono rinchiusi per l’eternità: “L’inferno siamo noi, ce lo portiamo dentro”. Il testo di Jean-Paul Sartre (1944) è stato riproposto in versione contemporanea sul palcoscenico del teatro Kismet di Bari con “A porte chiuse. Dentro l’anima che cuoce”.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità Storia d'Italia

L’angelo nero Dante non tortura i suoi ospiti. Ci pensano loro a far emergere il meglio e il peggio dei sentimenti umani – un pubblicitario morto suicida, una donna convertita all’islam, una usuraia senza scrupoli. Provano anche a convivere, prima in silenzio poi con amore infine odiandosi: “Pensiamo sempre che i problemi della vita siano legati agli altri e non a noi stessi – spiega nel video l’attore Gianluca Enria -. Abbiamo riadattato il testo riorganizzando i personaggi nella quotidianità di oggi”.

Sullo sfondo un riferimento all’omicidio di Giulio Regeni (Egitto, tra gennaio e febbraio 2016) con proiezioni e l’audio di un’intervista alla madre di Giulio, dal forte impatto emotivo. La critica alla società italiana è simboleggiata dal lancio oltre la quarta parete dei copricuscini tricolore.

Spettacolo di Andrea Adriatico ispirato a Jean-Paul Sartre, drammaturgia di Andrea Adriatico e Stefano Casi con Gianluca Enria, Teresa Ludovico, Francesca Mazza e con Leonardo Bianconi e l’amichevole partecipazione di Angela Malfitano e Leonardo Ventura. Per i Teatri di Vita.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here