“Un convegno negazionista su Xylella propinato oggi, in ore di lezione, agli studenti di una scuola superiore di Monopoli. Purtroppo con il patrocinio della scuola e il saluto del dirigente. Un’istituzione scolastica non può favorire il diffondersi di teorie non provate, contro le decisioni di altre istituzioni scientifiche. Per rimettere le cose al giusto posto, ho scritto al dirigente affinché sia organizzato un altro incontro con la Regione, l’Osservatorio fitopotalogico regionale, il Cnr e l’Università di Bari.”

Lo comunica il presidente della commissione regionale bilancio Fabiano Amati, dopo aver appresso dello svolgimento oggi a Monopoli, nell’istituto tecnico “Vito Sante Longo”, di un convegno su “Paesaggio e Xylella” con relatori che negano la prova scientifica fornita dalle istituzioni europee, nazionali e regionali.

“Siccome è meglio infornare che polemizzare, ho scritto al dirigente scolastico per organizzare un nuovo incontro e fare in modo che un’istituzione scolastica prediliga le istituzioni scientifiche piuttosto che teorie credulone. Il convegno di Monopoli, rivolto agli studenti, aveva relatori che negano la prova scientifica offerta sull’argomento Xylella dalle istituzioni scientifiche europee, nazionali e regionali. E a dirla tutta, proprio le teorie esposte al convegno di Monopoli sono state il fondamento, dal 2013 ad oggi, di azioni che hanno pesantemente interferito con le pratiche di contenimento del batterio, contribuendo a portarlo sino a Monopoli. Cioè nella città ove ha sede la scuola. Poiché tale mistificazione è avvenuta in ore di lezione in una scuola pubblica, mi pare ragionevole che sia dato spazio alle istituzioni pubbliche che decidono le modalità di lotta al batterio e tutela del paesaggio, in conformità con la prova scientifica e non con mere opinioni prive di rilievo tecnico e dignità didattica. Per questi motivi – conclude – ho chiesto al dirigente di  di consentire un nuovo incontro sullo stesso argomento, al quale parteciperò accompagnato da esperti dell’Osservatorio fitopotalogico regionale, Cnr e Università di Bari, al fine di offrire agli studenti informazioni accordate con la scienza e le sue prove, piuttosto che con indimostrate suggestioni o narrazioni socio-politiche”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here