C’è ancora tempo per accedere al progetto “Muvt”, la sperimentazione del Comune di Bari a sostegno della mobilità sostenibile. Fino al 31 marzo è possibile acquistare biciclette nuove (tradizionali o a pedalata assistita) con contributo massimo di 150 e 250 euro o biciclette ricondizionate (massimo 100 euro). Come previsto dal bando, i primi mille beneficiari potranno aderire da giugno a un programma sperimentale della durata di quattro mesi che prevede un rimborso chilometrico per il tragitto casa-scuola e casa-lavoro.

Dallo scorso 20 febbraio sono stati consegnati 350 kit del sistema brevettato di certificazione del traffico su due ruote (Pin Bike). Poco più di un terzo della disponibilità. Per questo appare sempre più probabile che l’iniziativa sarà estesa anche a chi ha già la bicicletta.

Il tema dei rimborsi chilometrici nei tragitti urbani su due ruote riguarda numerose nazioni europee “ciclabili”. Prime fra tutte Olanda, Francia e Belgio. La sfida del governo Decaro, cofinanziata dal ministero dell’Ambiente con 1,2 milioni di euro, ha interessato anche L’Huffington Post. Il capoluogo pugliese è descritto come una delle dieci città Ue con le “best practice” sulla mobilità sostenibile.

Il dispositivo Pin Bike si basa su un device hardware antifrode che permette di certificare gli spostamenti. Si installa sul mozzo della ruota, lo smartphone comunica i dati e percorsi che consentiranno giorno dopo giorno di accumulare punti per sconti e premi. Ecco i dati sul rimborso al via da giugno – 0,20 € a km per il tragitto casa-lavoro, e 0,04 € a km per altri tragitti all’interno del confine urbano per le biciclette tradizionali e  0,10 €/km e 0,02 €/km per biciclette elettriche o a pedalata assistita), fino a un massimo di 1 € al giorno/100 € in 4 mesi e un sistema di incentivi basati su premi e classifiche comunali (extra-bonus di € 50,00 per i 10 beneficiari che avranno percorso più km con bici tradizionale o € 100 per i primi 5 beneficiari che avranno percorso più km con bicicletta elettrica o a pedalata assistita).

Pin Bike, vincitrice del bando Pin Pugliesi Innovativi, ha ottenuto riconoscimenti tra i quali la StartCup Puglia 2018, il Premio PA Sostenibile 2018 e il recente premio di Legambiente del Treno Verde 2019. “Le misure per la salvaguardia ambientale – spiega Nico Capogna, ceo e fondatore della start up – devono diventare di primaria importanza nella gestione delle finanze collegate alla politica. L’automobile, un tempo un oggetto di lusso, non è mai stato un mezzo sostenibile. Ed è arrivato il momento di cominciare a rendersene conto”.

Moduli richiesti

Rivenditori e modelli bici

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here