La Procura di Agrigento ha iscritto sul registro degli indagati, con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, il comandante della nave Sea Watch 3: Arturo Centore. Il provvedimento è stato notificato dalla Guardia di finanza nel momento del sequestro probatorio della nave della Ong che ieri è arrivata a Lampedusa facendo sbarcare 47 migranti. Centore, che ha nominato come difensori gli avvocati Leonardo Marino e Alessandro Gamberini, è il primo indagato dell’inchiesta che era stata aperta, in un primo momento, contro ignoti.

Il procuratore Luigi Patronaggio, già ieri sera, aveva annunciato che “si valuteranno le responsabilità della Ong”. Sull’isola, giunti venerdì per coordinare le indagini sul precedente caso della Mare Jonio, sono ancora presenti il procuratore aggiunto Salvatore Vella e il pubblico ministero Alessandra Russo.

Sarà interrogato domani dai magistrati della Procura di Agrigento il comandante della nave Sea Watch 3. Lo ha confermato uno dei suoi legali, l’avvocato Alessandro Gamberini. “Al momento – ha detto il penalista – ci risulta indagato soltanto il comandante. Oggi sarò in Sicilia e domani ci presenteremo dai magistrati per spiegare le nostre ragioni”.

“Indagato per favoreggiamento il comandante della Sea Watch? Questo dimostra che non è Matteo Salvini il cattivo con le ong – ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a La7 – e conferma quello che sostengo da mesi, e cioè che favoriscono l’immigrazione clandestina e aiutano gli scafisti. E se c’è una procura che lo conferma il mio lunedì è un bel lunedì”.

“La magistratura è indipendente, ci sono leggi e testi unici, ben venga il sequestro del mezzo gestito dalla magistratura attraverso la Gdf”, ha detto il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli. (Ansa – foto)

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

1 COMMENTO

  1. Il giochino è ormai risaputo: si sequestra la nave e di conseguenza si indaga il comandante solo per permettere lo sbarco dei migranti.
    C’è da scommettere che tra qualche giorno sarà dichiarato che non sono stati ravvisati reati e la Sea Watch riprenderà la sua spola tra Libia e Italia.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here