Cabtutela.it
acipocket.it

Oggi ci sarà il giuramento della nuova squadra di governo, il Conte bis. Conosciamo meglio chi sono i due ministri pugliesi, Teresa Bellanova e Francesco Boccia, entrambi del Pd.

Iniziamo con Bellanova, nuovo ministro dell’Agricoltura. Classe 1958 di Ceglie Messapica in provincia di Brindisi, da ragazzina è stata anche bracciante agricola. E’ stata viceministro dello Sviluppo economico nei governi Gentiloni e Renzi. Ha iniziato giovanissima come sindacalista della Cgil in Puglia ed è stata in prima linea nella lotta al caporalato. Il percorso nel sindacato l’ha portata a ricoprire diverse funzioni: coordinatrice regionale delle donne di Federbraccianti in Puglia, segretaria generale provinciale della Flai (la Federazione dei lavoratori dell’agroindustria), componente della segreteria nazionale della Filtea, con delega alle politiche per il Mezzogiorno.

Nel 2006 si è candidata alle elezioni politiche per i Democratici di Sinistra e, una volta eletta alla Camera, ha assunto l’incarico di componente della commissione Lavoro. Attività svolta fino all’ultima legislatura. ‘Allora come oggi la rappresentanza del lavoro e la difesa dei diritti delle persone costituiscono il tratto caratteristico ed irrinunciabile del mio impegno politico e sindacale e la mia stessa dirittura di vita, scrive la Bellanova sul suo sito.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Ma non è che tutti i braccianti agricoli abbiano per questa attività svolta automaticamente i requisiti per fare il ministro dell’Agricoltura. Avere lavorato o zappato la terra non dà il “diritto” a sentirsi titolato come ministro.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui