Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Sprechi e mala sanità pugliese sono stati al centro dell’ultima puntata de “Le Iene” in onda ieri sera, 22 ottobre, su Italia 1. L’inviato Gaetano Pecoraro ha visitato alcuni ospedali al centro di polemiche fino allo scontro frontale con il governatore Michele Emiliano.

“Tu ci vieni a massacrare solo perché siamo dei terroni, la sanità pugliese migliora”, ha commentato Emiliano durante il faccia a faccia. L’intervista si è conclusa con un’invettiva personale diretta al giornalista: “Io ho le palle, se non ci fossero i carabinieri si dovrebbe preoccupare”.

Il programma Mediaset ha riproposto degli esempi eclatanti di “ospedali rinnovati e poi da chiudere”. Il tour ha toccato il ‘Sarcone’ di Terlizzi, poi la tappa all’ex ospedale di Rutigliano, convertito in punto di Primo Intervento. Focus anche su le piscine riabilitative non più funzionanti di Toritto, Alberobello e Bari. E in chiusura l’intervista a un presunto “dirigenti senza titoli”.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha dedicato anche un lungo post per ribadire che “la disinformazione si combatte con la verità”, e precisa che “l’Ospedale di Terlizzi non chiude ma viene riconvertito in presidio Post Acuzie, in applicazione del Decreto Ministeriale 70, e le sale operatorie continueranno a funzionare in day surgery alleviando il carico delle sale operatori degli ospedali per acuti”. Nel servizio delle Iene che andrà in onda stasera, Pecoraro sostiene, “parole sue – scrive Emiliano su Fb – che ‘l’Ospedale di Terlizzi è una struttura nuova di zecca e inutilizzata’, e soprattutto che ‘l’Ospedale sta per chiudere’. Da qui mi attacca dicendo che ‘a Terlizzi di spendono 13 milioni di euro per ristrutturare un Ospedale quando era già stato stabilito che doveva chiudere'”. “Falso”, sottolinea Emiliano.

(Foto intervista Le Iene)


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Chiedete a Emiliano se riesce a prenotare con ricetta bianca presso uno solo di Cup ospedalieri (ovviamente in incognito) sia telefonicamente (7 ore di chiamate) e nessuna risposta; diverso e’ la prenotazione a pagamento ,entro 120 ore puoi avere la visita.
    Avvoltoi,sono solo avvoltoi che ci stanno spolpando vivi.
    Ecco perche’ la gente si impoverisce,non ha piu’ soldi: se vuoi campare,paga!
    Tanto Emiliano se ne fotte!
    (p.s.- recapitatela ad Emiliano)
    fto Adriano Zottoli- paziente ancora in attesa che il cup risponda.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui