LUNEDì, 22 APRILE 2024
72,666 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,666 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, il dramma dei lavoratori Bosch: 620 posti a rischio, sciopero

Pubblicato da: redazione | Gio, 28 Novembre 2019 - 14:45

Uno sciopero di 8 ore davanti ai cancelli dello stabilimento Bosch nella zona industriale di Bari è in corso da questa mattina con una «adesione totale» dei lavoratori della fabbrica barese, come evidenziato dai sindacati, e la partecipazione per solidarietà di lavoratori di altre aziende della zona industriale. Alla base dello sciopero, con Cgil, Cisl e Uil al fianco dei lavoratori, c’è l’annuncio fatto nei giorni scorsi dall’azienda di 620 esuberi entro il 2022. Il presidio è stato indetto in concomitanza con l’incontro convocato oggi a Roma, nella sede del Ministero per lo Sviluppo economico tra sindacati, azienda e Regione Puglia.

Al tavolo di crisi tenutosi oggi al Mise sui 620 esuberi alla Bosch di Bari la Regione Puglia, rappresentata da Leo Caroli, ha formalizzato «la propria grande preoccupazione e la volontà di cofinanziare con i propri strumenti di sostegno il progetto industriale di rilancio». Ne dà notizia in una nota la Regione Puglia. Il consigliere del presidente della Regione Puglia, Domenico De Santis, ha inoltre partecipato questa mattina al presidio dei lavoratori della Bosch di Bari-Modugno, davanti ai cancelli dello stabilimento in occasione dello sciopero. «La Regione Puglia – ha ribadito De Santis – è disponibile a mettere in campo tutti gli strumenti e le risorse necessarie per realizzare nuovi investimenti ma a condizione che gli esuberi siano pari a zero». La Regione infatti ha disposizione numerose misure per la formazione del personale e per le innovazioni produttive, che possono essere implementate con le società in house della Regione, come Puglia Sviluppo e con l’intervento della task force per l’occupazione«. »Possiamo discuterne con azienda e sindacati – ha concluso De Santis – l’importante è che non ci sia nessun licenziamento. A breve sarà convocato un tavolo sindacale presso la Regione«

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Il Bari 2023/24: una squadra “forte”...

La gara contro il Pisa, avrebbe dovuto rappresentare la partita della...
- 22 Aprile 2024

Bari, addio al proprietario del ristorante...

Giornata di lutto nel mondo della ristorazione barese per la morte...
- 22 Aprile 2024

Disabilità: l’importanza dei montascale per garantire...

Nell'affrontare la vita quotidiana, le persone con disabilità si trovano spesso...
- 22 Aprile 2024

Il Festival della Valle d’Itria festeggia...

Si aprirà con la 'Norma' di Vincenzo Bellini, che nel 1977...
- 22 Aprile 2024