Cabtutela.it
acipocket.it

Prima nevicata dell’anno sulle vette più alte della provincia di Foggia. Da questa mattina una sottile coltre bianca ha ricoperto le cime del subappennino dauno.La neve ha imbiancato i tetti a Faeto e a Monteleone.

Con “l’arrivo del repentino freddo anche in pianura – sottolinea Coldiretti Puglia – sono colpite le coltivazioni invernali in campo come cavoli, verze, cicorie, radicchio e broccoli, ma lo sbalzo termico improvviso ha inevitabilmente un impatto anche sull’aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra”. “Il clima pazzo – prosegue Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia – sta contribuendo a consumare il suolo per il 67,5% in contesti prevalentemente agricoli o naturali, depauperando pezzi di territorio e deturpando il paesaggio, oltre ad impoverire il tessuto imprenditoriale agricolo pugliese”. Secondo l’associazione di agricoltori, “il rischio idrogeologico, con differente pericolosità idraulica e geomorfologica, riguarda il 100% dei comuni della BAT, il 95% dei territori di Brindisi e Foggia, il 90% dei comuni della provincia di Bari e l’81% dei comuni leccesi”. Sono “8.098 i cittadini pugliesi – conclude – esposti a frane e 119.034 quelli esposti ad alluvioni, secondo le elaborazioni di Coldiretti Puglia sulla scorta dei dati Ispra”.

Maltempo in tutta la regione. A Bari strade allagate per le forti piogge e disagi con la chiusura di un sottopasso.

(Foto Coldiretti)


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui