MERCOLEDì, 17 APRILE 2024
72,519 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,519 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Maltempo, frutta e verdura a rischio freddo artico: paura per le serre

Pubblicato da: redazione | Mar, 7 Febbraio 2023 - 11:00

Le temperature sotto lo zero con il brusco abbassamento della colonnina di mercurio che portano freddo e gelo notturno danneggiano le coltivazioni di verdure e ortaggi all’aperto ma lo sbalzo termico improvviso ha inevitabilmente un impatto anche sull’aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra di fiori e verdure. E’ l’allarme lanciato dalla Coldiretti Puglia sugli effetti del maltempo con il freddo artico che sta interessando la Puglia con forti raffiche di vento che aumentano il rischio caduta degli alberi pericolanti, con 1.540 interventi dei Vigili del Fuoco secondo il report 2022.

A preoccupare – continua la Coldiretti regionale – è anche il balzo dei costi per il riscaldamento delle serre per la coltivazione di ortaggi e fiori che risente dell’impennata della bolletta. E se in altri settori si cerca di concentrare le operazioni colturali nelle ore di minor costo dell’energia elettrica – rileva Coldiretti Puglia – le imprese florovivaistiche non possono interrompere le attività pena la morte delle piante o la mancata fioritura per prodotti agricoli altamente deperibili. Le rose ad esempio hanno bisogno di una temperatura fissa di almeno 15 gradi per fiorire e lo stesso vale per le gerbere, mentre per le orchidee servono almeno 20-22 gradi per fiorire e 14 ore di illuminazione ed in assenza di riscaldamento muoiono.

L’arrivo del grande freddo, con bufere di vento artico che hanno sradicato alberi e fatto crollare le temperature – sottolinea la Coldiretti – colpisce le coltivazioni invernali in campo come cavoli, verze, cicorie, e broccoli che reggono anche temperature di qualche grado sotto lo zero ma se la colonnina di mercurio scende repentinamente o se le gelate sono troppo lunghe si verificano danni. La discesa della colonnina di mercurio con il gelo rischia peraltro di bruciare fiori e gemme di piante e alberi, con pesanti effetti sui prossimi raccolti dopo che – ricorda la Coldiretti – il caldo anomalo di dicembre lungo tutta la Penisola ha favorito il risveglio anticipato delle varietà più precoci di noccioli, pesche, ciliegie, albicocche, agrumi e mandorle.

Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Puglia dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, che – conclude la Coldiretti regionale – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con perdite della produzione agricola e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, agguato a Japigia: 5 arresti....

A poche ore di distanza dall’agguato della scorsa notte, nel corso...
- 16 Aprile 2024

Arresti a Bari, Alfonso Pisicchio respinge...

Ha sottolineato la sua "assoluta estraneità rispetto ai fatti" che riguardano...
- 16 Aprile 2024

Puglia, Cdm non impugna legge su...

Non impugnerà le leggi regionali pugliesi sull'agriturismo e sulla violazione e...
- 16 Aprile 2024

Bari, a Triggiano un nuovo servizio...

A Triggiano attivo un nuovo servizio dell'Asl di Medicina dello sport....
- 16 Aprile 2024