LUNEDì, 22 APRILE 2024
72,665 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,665 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Ormeggi per barche realizzati senza permessi, sequestro a Gallipoli

Denunciati 18 proprietari di natanti

Pubblicato da: redazione | Lun, 24 Aprile 2023 - 08:50

Finanzieri della Sezione Operativa Navale di Gallipoli, coordinati dal Reparto Operativo Aeronavale di Bari, a seguito di mirati controlli finalizzati al contrasto dei fenomeni di abusivismo sul demanio marittimo, hanno sequestrato nei giorni scorsi uno specchio acqueo che si ritiene occupato abusivamente ed adibito ad ormeggio di natanti lungo il litorale di Gallipoli. In particolare, le Fiamme Gialle della Sezione Operativa Navale hanno ipotizzato l’abusiva realizzazione di passerelle e pontili in legno, utilizzati per l’ormeggio e l’accesso di natanti ed assicurati attraverso gavitelli ancorati sul fondale marino. Le predette opere sono state eseguite lungo una scogliera classificata dall’Autorità di Bacino a pericolosità geomorfologica elevata.

I riscontri documentali presso l’Ente comunale, eseguiti dai Finanzieri, lascerebbero ipotizzare che la realizzazione dei posti ormeggio sarebbe stata effettuata senza le prescritte autorizzazioni. Sulla base di quanto ipotizzato dai militari, quindi, il Comune di Gallipoli ha emesso un’Ordinanza di sgombero dei natanti, a seguito della quale i proprietari delle unità navali sono stati invitati a presentarsi, ai fini della loro identificazione, presso gli uffici della Guardia di Finanza.

A conclusione delle indagini, i Finanzieri della Sezione Operativa Navale di Gallipoli hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria 18 proprietari dei natanti ipotizzando irregolarità in materia di occupazione abusiva di spazio demaniale e deturpamento di bellezze naturali, al vaglio della Magistratura.

Sono tuttora in corso indagini finalizzate ad individuare ulteriori proprietari di unità navali ritrovate in loco e di responsabili di eventuali illecite gestioni dell’area sequestrata, nonché approfondimenti di natura fiscale. Il costante presidio del litorale costiero e delle acque marittime da parte delle Unità navali e aree del Reparto Operativo Aeronavale di Bari mira ad assicurare, quale unica forza di “Poli-zia del Mare”, la vigilanza a tutela del patrimonio demaniale marittimo.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, addio al proprietario del ristorante...

Giornata di lutto nel mondo della ristorazione barese per la morte...
- 22 Aprile 2024

Disabilità: l’importanza dei montascale per garantire...

Nell'affrontare la vita quotidiana, le persone con disabilità si trovano spesso...
- 22 Aprile 2024

Il Festival della Valle d’Itria festeggia...

Si aprirà con la 'Norma' di Vincenzo Bellini, che nel 1977...
- 22 Aprile 2024

Nel Barese in 15 firmano per...

Un anno di formazione per imparare l'arte del panificatore oppure per...
- 22 Aprile 2024