MERCOLEDì, 21 FEBBRAIO 2024
71,136 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
71,136 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Allarme caro vita, mantenere un bambino costa sempre di più

Nel 2023 i neo-genitori spendono da 7.065,07 a 17.030,33 euro l'anno, dal +5% al +8% rispetto al 2021

Pubblicato da: redazione | Mar, 23 Maggio 2023 - 13:32

Mantenere un bambino costa sempre di più, soprattutto nel suo primo anno di vita. Nonostante la riduzione dell’Iva al 5%, i benefici per i consumatori sui prezzi di latte in polvere, pannolini e simili sono pressoché inesistenti.

Una conferma che arriva anche dai dati rilevati dall’Onf – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che ha aggiornato il consueto monitoraggio sui costi per mantenere un bambino nel primo anno di vita. Dallo studio emerge che il costo complessivo per mantenere un bambino nei suoi primi 12 mesi di vita varia da un minimo di 7.065,07 euro fino ad un massimo di 17.030,33 euro. Rispetto al 2021, mediamente, si registra un aumento complessivo del +5% per i costi minimi e del +8% per i costi massimi.

Costi che, uniti alla precarietà occupazionale e alla mancanza di lavoro per i giovani, incidono pesantemente, come è noto, sull’andamento della natalità nel nostro Paese: è di poche settimane fa la notizia del tasso di natalità al minimo storico, meno di 7 neonati per 1.000 abitanti. Dato che testimonia, con evidenza, come il clima di difficoltà, incertezza e di paura, determinato dalla guerra, dai rincari e delle precarie condizioni economiche di molte giovani coppie spinge gli aspiranti genitori a rimandare i loro programmi a tempi migliori.

I bonus disposti dal Governo, di fronte all’enormità dei costi da sostenere, rimangono ancora insufficienti e non rappresentano una soddisfacente certezza per fare programmi stabili.

Alla luce di tali difficoltà, sono sempre di più i genitori che ricorrono all’usato o ai portali online per acquistare i prodotti necessari. Acquistando online il risparmio sull’importo minimo di spesa per il mantenimento di un bimbo nel primo anno di vita è del 29%, mentre su quello massimo del 34% (non considerando per ovvie ragioni i costi relativi ai beni di prima necessità quali pannolini, farmaci, biscotti, latte e pappe e le visite mediche). È bene notare come i margini di risparmio legati all’acquisto online, vista la sua ormai ampia diffusione, si siano ridotti rispetto al 2021, quando si attestavano rispettivamente al 31% per i costi minimi e al 47% per i costi massimi. Il costo complessivo diminuisce ancor di più se si ricorre al canale dell’usato: comprare prodotti di seconda mano consente di risparmiare sulla spesa finale da un minimo del 55%, fino ad un massimo del 62%. Rimane molto diffuso, soprattutto sui social network, anche lo scambio gratuito di prodotti usati.

Nonostante i costi proibitivi per il sostentamento di un bambino nei suoi primi 12 mesi di vita, la moda dei baby shower e delle feste in grande stile per il primo compleanno non sembra arrestarsi. Anche per questi eventi i costi aumentano: nel 2022, l’allestimento di un baby shower nella propria abitazione per 25 invitati ha un costo medio di 826,90 € (+8% rispetto al 2021). Nel caso di una festa di compleanno per 35 persone, invece, l’importo da spendere è di 1.150,58 € (+9% rispetto al 2021).

BONUS E SOSTEGNI

Assegno unico Nel 2023 le famiglie con figli a carico potranno beneficiare dell’assegno unico universale, spettante per ogni figlio minorenne (o anche maggiorenne al di sotto dei 21 anni di età in presenza di determinate condizioni). L’assegno quest’anno è più sostanzioso per effetto della Legge di Bilancio 2023 e della rivalutazione: è stata introdotta, infatti, una maggiorazione del 50% dell’importo base da riconoscere fino al compimento del primo anno del figlio (per le famiglie con almeno 3 figli tale maggiorazione si applica fino ai 3 anni se l’Isee non supera 40.000 euro). La manovra, inoltre, ha aumentato da 100 a 150 euro l’importo della maggiorazione mensile forfettaria destinata alle famiglie con almeno 4 figli.

L’assegno unico viene erogato mensilmente e modulato a seconda del valore Isee delle famiglie, tenendo conto anche dell’età dei figli e della condizione di disabilità laddove presente e riguarda tutte le categorie di lavoratori dipendenti (sia pubblici che privati), lavoratori autonomi, pensionati, disoccupati, inoccupati ecc.

Si ricorda che le famiglie che già ricevono l’assegno unico non devono ripresentare la relativa domanda in quanto il sussidio viene rinnovato in automatico. Tuttavia, per non ricevere la somma minima, è necessario presentare un ISEE aggiornato (entro la fine di febbraio): solo così l’Auu viene accreditato in base al reddito effettivo con tutte le eventuali maggiorazioni.

L’Assegno unico per i figli a carico, poiché è una misura “universale”, può essere richiesto anche in assenza di ISEE ovvero con Isee superiore alla soglia di euro 43.240 euro. In tal caso, saranno corrisposti gli importi minimi dell’Assegno previsti dalla normativa. Ai nuclei familiari percettori del Reddito di Cittadinanza l’Assegno unico e universale è corrisposto d’ufficio dall’INPS, senza necessità di presentare apposita domanda.

Detrazioni fiscali Il passaggio all’assegno unico ha sostituito le detrazioni per quei figli a carico per i quali viene già riconosciuto l’Auu, ma queste vengono ancora riconosciute per alcuni familiari, quali: i figli maggiorenni con più di 21 anni ma meno di 24 anni che producono un reddito pari o inferiore ai 4.000,00 euro nel periodo d’imposta di riferimento; i figli maggiorenni con più di 24 anni che producono un reddito pari o inferiore a 2.840,51 euro; i figli con più di 21 anni disabili, per i quali spetta sia l’assegno unico che la detrazione per familiari a carico.

Bonus asilo nido Nell’ambito degli interventi normativi a sostegno delle famiglie rientra anche un contributo per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati e di forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche. L’articolo 1, comma 343, legge 27 dicembre 2019 n. 160, ha elevato l’importo del buono fino a un massimo di 3.000 euro sulla base dell’Isee minorenni, in corso di validità, riferito al minore per cui è richiesta la prestazione. Il premio è corrisposto direttamente dall’Inps su domanda del genitore.

Le istruzioni per la presentazione delle domande per il 2023, sono reperibili sul sito dell’Inps, nella sezione dedicata ai servizi per i genitori.

Assegno di maternità Comuni Tra i bonus per il sostegno alle famiglie c’è anche il cosiddetto assegno di maternità erogato dai Comuni, anche detto “assegno di base“. Si tratta di una misura stanziata in favore di quelle neo mamme che sono sprovviste di copertura previdenziale obbligatoria tale da permettere l’accesso al congedo di maternità Inps. Per averne diritto è necessario che l’Isee in corso di validità non superi i 19.185,13 euro. L’importo nel 2023 è pari a 383,46 euro; essendo riconosciuto per cinque mensilità (il bonus complessivo ammonta quindi a1.773,60 euro).

Bonus latte artificiale È previsto anche un bonus dell’importo massimo di 400 euro per l’acquisto di latte artificiale rivolto alle mamme che, a causa di particolari condizioni patologiche, non possono allattare naturalmente il proprio figlio e non possono accedere alla banca del latte materno donato. Tale agevolazione spetta fino al compimento del 6° mese del bambino, a patto di avere un Isee non superiore a 30.000 euro. La richiesta va presentata alla Asl di appartenenza, secondo le tempistiche e modalità dettate dalla regione di residenza.

FESTEGGIAMENTI

Baby shower Importata dall’America qualche anno fa, la moda dei baby shower è sempre più di tendenza. Letteralmente “doccia per bambino”, con questa festa la futura mamma e il nascituro vengono sommersi di regali: vestitini, scorte di pannolini, copertine, passeggini e tutto ciò di cui hanno bisogno. Il costo complessivo per organizzare un baby shower per 25 persone nella propria casa rimane elevato: tra catering, addobbi a tema, torta e giochi il party per festeggiare la nascita del neonato ha un costo medio di 826,90 euro, con un aumento del +8% rispetto al 2021.

Spesa onerosa che tuttavia viene ricompensata dai regali e dai doni che vengono elargiti durante l’evento, grazie ai quali le mamme e i papà riescono a risparmiare sui costi relativi al mantenimento del bambino nel suo primo anno di vita.

Primo compleanno È di gran moda organizzare anche festeggiamenti in grande stile in occasione del primo compleanno del bambino. Un’occasione per sfoggiare decorazioni e torta a tema, palloncini, addobbi e giochi per gli invitati. Nel 2023, il costo medio per la celebrazione di questo evento è di 1.150,58 euro per 35 invitati (+9% rispetto al 2021): una spesa in più da aggiungere ai costi previsti durante il primo anno di vita del bambino.

Battesimo Cerimonia imprescindibile per tutti i credenti, celebrare il battesimo del proprio figlio nel 2023, tra l’allestimento della sala, il pranzo e le bomboniere, potrebbe costare da un minimo di 2.826,50 euro ad un massimo di 6.050,90 euro per 60 invitati. Sempre più di tendenza regalare del denaro attraverso un versamento su un conto corrente destinato al mantenimento del festeggiato.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, 70mila euro per un box...

A Bari scendono i prezzi dei box (-1,8%) e dei posti...
- 21 Febbraio 2024

Topolino si “sindacalizza”, mobilitazione in corso...

C'è aria di mobilitazione a Disneyland, il parco di divertimento di...
- 20 Febbraio 2024

Incidente stradale nel Nord Barese, un...

È di un morto e quattro feriti il bilancio provvisorio di...
- 20 Febbraio 2024

Puglia, infortuni sul lavoro: domani sciopero...

Due ore di sciopero a fine turno, domani mercoledì 21 febbraio,...
- 20 Febbraio 2024