MERCOLEDì, 21 FEBBRAIO 2024
71,135 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
71,135 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Donna accoltellata nel Barese, il marito resta in carcere

L'uomo ha confessato. Per il gip ha una indole violenta

Pubblicato da: redazione | Mar, 23 Maggio 2023 - 19:25

Ha confessato l’uomo accusato di aver accoltellato la moglie la sera del 20 maggio ad Acquaviva, pertanto la gip del tribunale di Bari Anna Perrelli ha disposto la custodia in carcere nei confronti del 54enne. L’uomo, secondo quanto riporta l’Ansa, è accusato di tentato omicidio aggravato dalla premeditazione e dall’aver commesso il fatto in danno della coniuge convivente. Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, aiutati dalla testimonianza della figlia 16enne della coppia, il tentato omicidio sarebbe avvenuto al termine di un litigio scoppiato perchè l’uomo si opponeva alla volontà della donna di divorziare.

Durante la lite il marito avrebbe preso un lungo coltello dalla cucina dell’abitazione, seguendo la moglie che era andata sul terrazzo per stendere il bucato, e l’avrebbe colpita con almeno tre coltellate al torace e all’addome, provocandole una grave lesione al polmone. A salvare la donna è stata proprio la figlia di 16 anni che, dopo aver sentito dei rumori provenienti dal terrazzo, secondo la ricostruzione del gip, “si è frapposta tra suo padre e sua madre, evitando che quest’ultima venisse ulteriormente colpita”. La ragazza ha poi visto il coltello cadere per terra, lo ha raccolto e lo ha lanciato fuori dal terrazzo, prima di bloccare il padre e permettere alla madre di fuggire per strada e chiamare i soccorsi. Ricoverata al Policlinico di Bari, la donna è stata operata e le sue condizioni sono in via di miglioramento.

Dopo l’accoltellamento, e diversamente da quanto emerso in un primo momento, l’uomo si è recato spontaneamente nella stazione dei carabinieri del suo paese ammettendo quanto aveva fatto e manifestando “pentimento e proposito di suicidio”. L’uomo è attualmente sotto processo per maltrattamenti nei confronti della moglie (“se parli con qualcuno di quanto succede in casa, ti ammazzo”, le avrebbe detto in un’occasione) e la figlia ha dichiarato agli inquirenti di aver visto, in passato, il padre picchiare la madre. Per la gip, quindi l’uomo ‘ha manifestato un’indole particolarmente violenta, ponendo in essere i comportamenti riprovevoli dei quali si è reso autore in misura sempre crescente, dimostrando di non essere in grado di dominare i propri impulsi criminali’. Per questo, riconoscendo dolo diretto nelle sue azioni, ne ha disposto la custodia cautelare in carcere.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Topolino si “sindacalizza”, mobilitazione in corso...

C'è aria di mobilitazione a Disneyland, il parco di divertimento di...
- 20 Febbraio 2024

Incidente stradale nel Nord Barese, un...

È di un morto e quattro feriti il bilancio provvisorio di...
- 20 Febbraio 2024

Puglia, infortuni sul lavoro: domani sciopero...

Due ore di sciopero a fine turno, domani mercoledì 21 febbraio,...
- 20 Febbraio 2024

Milleproroghe, ok alla fiducia: soddisfazione Confagricoltura...

Via libera al disegno di legge di conversione del decreto legge...
- 20 Febbraio 2024