LUNEDì, 15 APRILE 2024
72,493 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,493 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, percettori del reddito di cittadinanza a supporto della Procura

Firmata in mattinata la convenzione per l'attivazione del PUC - Progetto di utilità collettiva "Il cittadino e la Giustizia"

Pubblicato da: redazione | Gio, 25 Maggio 2023 - 14:41

Una convenzione per l’attivazione del PUC – Progetto di utilità collettiva “Il cittadino e la Giustizia” che vedrà impegnati 42 percettori del Reddito di cittadinanza in attività di supporto agli uffici della Procura. È quanto ufficializzato in mattinata, negli uffici della Procura della Repubblica di Bari. A siglare la convenzione il vicesindaco e assessore alle Politiche attive del lavoro Eugenio Di Sciascio, e il Procuratore della Repubblica di Bari Roberto Rossi.

Si tratta, in particolare, della seconda Convenzione sottoscritta fra le parti, nell’ambito dello stesso avviso pubblico PUC del Comune di Bari, che segue il PUC “Insieme per la giustizia” avviato nel novembre 2021e conclusosi il 14 aprile scorso. Il precedente progetto ha registrato la partecipazione di 113 beneficiari del Reddito di cittadinanza, che sono stati impiegati, per oltre 3.000 giornate, in 13.316 ore di attività nell’arco dei diciotto mesi di durata del PUC.

“In continuità con la positiva esperienza pregressa – si legge nella manifestazione d’interesse proposta dalla Procura – si intende proseguire con la creazione di un nuovo modello di impegno per la cosa pubblica per l’amplia platea di beneficiari del Reddito di cittadinanza, con la possibilità di valorizzare, nel settore giustizia, alcuni obiettivi quali la crescita e formazione delle persone e la tutela della Giustizia, quale patrimonio comune da preservare anche con l’aiuto e la collaborazione della collettività”.

“Credo questa sigla si possa facilmente annoverare tra le collaborazioni più importanti tra le istituzioni – ha commentato Eugenio Di Sciascio -, che hanno condiviso l’idea di avviare un percorso di crescita per le persone che percepiscono il reddito di cittadinanza affinché possano restituire qualcosa alla collettività. Il rapporto con la Procura è ormai solido e stabile, a riprova del fatto che il lavoro di queste persone ha lasciato un segno e ha rappresentato un valore per le istituzioni in cui si svolge oltre ad aver generato legami. Nonostante le difficoltà di questi anni, abbiamo attivato una serie di progetti PUC, ben 112 tra quelli già attivati e quelli in partenza, con centinaia di cittadini reinseriti in questi percorsi. Ci abbiamo creduto sin da subito perché riteniamo che, sebbene non si tratti di inserimenti lavorativi veri e propri, possano contribuire all’attivazione individuale di soggetti che da tempo non lavorano che potranno poi avere maggiori opportunità per il reinserimento lavorativo. Per il futuro attendiamo di capire come la norma di riferimento si evolverà e come cambieranno gli scenari legislativi su questi progetti, con la speranza che l’impianto di base possa rimanere tale da consentirci di proseguire con la realizzazione di questi progetti. Ci sono casi, come questa collaborazione con la Procura, che addirittura hanno ricevuto un riconoscimento a livello nazionale sia per il modello di gestione sia per l’impatto sociale generato sul territorio” – ha concluso. Parole a cui fanno eco quelle di Roberto Rossi.

“Insieme per la giustizia è un progetto che ha funzionato – ha dichiarato – lo dimostrano i numeri e la soddisfazione espressa dal nostro personale, condivisa dai beneficiari del progetto che hanno affiancato gli uffici della Procura nel disbrigo di una serie di attività. Alcuni dei partecipanti al progetto, al termine dell’esperienza, hanno addirittura chiesto di poter proseguire da volontari, a riprova che si è creato un rapporto molto positivo, in cui le persone coinvolte hanno lavorato anche oltre ciò che gli veniva richiesto. È questa la ragione per la quale oggi firmiamo questa convenzione per una nuova edizione del progetto: perché ha funzionato molto bene, e di questo ringrazio l’amministrazione comunale, nonostante alcuni limiti oggettivi legati in primo luogo alla carenza di spazi qui in Procura”.

Ad oggi il Comune di Bari ha attivato complessivamente 54 progetti PUC di restituzione sociale, che hanno coinvolto oltre 650 beneficiari del Reddito di cittadinanza impiegati in percorsi di inclusione, partecipazione e cittadinanza attiva. Aperto a enti pubblici ed enti del Terzo Settore, il Catalogo PUC del Comune di Bari conta 112 progetti in totale a fronte di quasi 200 proposte presentate. Dalla fine del 2021 i percettori del Reddito di cittadinanza sono stati coinvolti in attività di ambito ambientale, di tutela dei beni comuni, sociale, formativo, culturale o artistico, che li hanno visti impegnati dalle 8 alle 16 ore settimanali. L’amministrazione comunale ha in programma l’avvio di ulteriori PUC: il relativo avviso pubblico, disponibile sul sito istituzionale a questo link, è valido sino al prossimo 30 giugno, con la possibilità di presentare ulteriori manifestazioni d’interesse per la realizzazione dei PUC in favore dei percettori del Reddito di cittadinanza.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Lunetta Savino è in scena con...

Florian Zeller indaga con estrema acutezza il tema dell’amore materno e...
- 15 Aprile 2024

Il cibo è la vera ricchezza...

E’ il cibo la prima ricchezza della Puglia con un valore...
- 15 Aprile 2024

Cus Bari protagonista a Sabaudia con...

Cus Bari protagonista a Sabaudia con il pararowing. È accaduto nella...
- 15 Aprile 2024

Incidente a Bari, coinvolti un’auto e...

Incidente a Bari, coinvolte un'auto e monopattino. È accaduto poco fa,...
- 15 Aprile 2024