SABATO, 13 APRILE 2024
72,430 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,430 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

La cura della gentilezza per affrontare il tumore: lo studio a Bari

La ricerca elaborata dalle ricercatrici dell’Istituto Tumori ‘Giovanni Paolo II’ di Bari

Pubblicato da: redazione | Mar, 9 Gennaio 2024 - 14:27

Imparare ad essere gentili e compassionevoli con se stessi aiuta ad affrontare meglio la malattia e soprattutto ad affrontare i cambiamenti che il tumore porta con sé, a cominciare dalla caduta dei capelli. È questo il risultato preliminare di uno studio osservazionale presentato all’ultimo congresso nazionale della società italiana di psiconcologia che si è svolto a Brescia. La ricerca, elaborata dalle ricercatrici del servizio di psiconcologia e del laboratorio di biostatistica e bioinformatica dell’Istituto Tumori ‘Giovanni Paolo II’ di Bari, è stata premiata come miglior poster presentato.

Lo studio ha fatto il punto sul benessere psicologico delle pazienti in trattamento oncologico e sulla percezione dell’immagine di sé. È noto infatti che molto spesso i trattamenti oncologici, in particolare la chemioterapia, producono cambiamenti, alcuni transitori, altri definitivi, nell’immagine corporea dei pazienti: caduta dei capelli, aumento o perdita di peso, danni alla pelle, segni e cicatrici a seguito di interventi chirurgici. Questi cambiamenti sono fonte di grande stress per tutti i malati di tumore e in particolare per le pazienti con tumore del seno perché questa patologia impatta in particolare sulla sfera delle femminilità e della fertilità.

Lo studio elaborato dalle ricercatrici dell’oncologico barese ha dimostrato che le pazienti che imparano ad essere compassionevoli con se stesse, dimostrandosi gentili e comprensive rispetto al momento di sofferenza e inadeguatezza che stanno vivendo, riescono ad affrontare meglio i cambiamenti che la cura della malattia comporta. Per contro, sentimenti di autocritica verso di sé sono correlati a sentimenti di insoddisfazione e maggiore stress. Da qui la necessità di potenziare e rafforzare i servizi di sostegno psicologico e psicoterapeutico per le pazienti, con l’obiettivo di aiutare le persone ad allenare la loro capacità di essere resilienti.

«Sono molto orgoglioso di questo ennesimo riconoscimento ottenuto in un consesso nazionale», commenta a riguardo il direttore generale Alessandro Delle Donne «che ci dà ulteriore conferma della strada intrapresa: il sostegno psicologico ai pazienti oncologici non è una servizio accessorio ma fondamentale per la cura del tumore. Ecco perché abbiamo previsto la figura dello psiconcologo in tutti i team multidisciplinari, ecco perché sosteniamo con convinzione tutte le iniziative che possano concretamente aiutare le pazienti ad affrontare i cambiamenti connessi ai trattamenti oncologici». Il progetto di ricerca è stato finanziato nell’ambito di un progetto di ricerca finalizzata, finanziato direttamente dal Ministero della Salute che ha permesso, fra le altre cose, l’acquisto di una macchina per l’uso dei caschi refrigeranti anti-caduta dei capelli, attualmente a disposizione per tutti i pazienti in trattamento.

«Siamo estremamente soddisfatti – dichiara il presidente del Consiglio di Indirizzo e Verifica dell’Istituto, Gero Grassi – dei risultati di questo studio, che confermano l’impegno costante dell’Istituto Tumori nel promuovere eccellenza clinica e ricerca di alto livello. La conferma dell’importanza dell’approccio gentile e compassionevole durante il percorso oncologico rappresenta un’ulteriore testimonianza dell’impegno dell’Istituto nel garantire un’assistenza completa e orientata al benessere dei pazienti. Continueremo a lavorare per mantenere l’Istituto Tumori ‘Giovanni Paolo II’ al vertice sia sul piano clinico che della ricerca, per continuare a offrire un supporto completo e umano ai nostri pazienti».

Nella foto, la psiconcologa Francesca Romito e la psicologa musicoterapeuta Fulvia Lagattola del team di ricerca che ha elaborato lo studio, premiato come miglior poster al congresso nazionale della società italiana di psiconcologia di Brescia.
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Turismo, dalla storia alle tradizioni: ecco...

Il Fascino di un borgo ricco di storia Sammichele di Bari,...
- 13 Aprile 2024

Lecce, non dichiara compensi per 200mila...

Non ha dichiarato compensi al fisco. Per questa ragione, un avvocato...
- 13 Aprile 2024

In auto con pistola e il...

In auto con una pistola e il "bottino" di una rapina....
- 13 Aprile 2024

Bari, Annalisa passa l’esame di dialetto...

Annalisa "passa" l'esame di dialetto Barese cantando in duetto con l'artista...
- 13 Aprile 2024