LUNEDì, 22 APRILE 2024
72,665 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,665 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Carcere di Trani, aggrediti due agenti di polizia penitenziaria

L'allarme del sindacato Sappe: "Carcere sovraffollato"

Pubblicato da: redazione | Lun, 29 Gennaio 2024 - 15:49

Due aggressioni ai danni di due agenti della polizia penitenziaria sarebbero avvenute negli ultimi giorni all’interno del carcere di Trani. Lo riferisce Federico Pilagatti, segretario del Sappe il sindacato di polizia penitenziaria. La prima sarebbe accaduta lo scorso 25 gennaio quando un poliziotto sarebbe stato colpito da un detenuto invitato a lasciare la stanza adibita a barberia e in procinto di chiusura. La seconda aggressione risale a ieri quando “un poliziotto in servizio al reparto accoglienza è stato aggredito un detenuto di origini campane di 45 anni con problemi psichiatrici e trovato in possesso di un’arma da taglio ricavata da una staffa del televisore”, fa sapere Pilagatti spiegando che l’aggressione sarebbe scaturita dal sequestro dell’arma fatta dall’agente.

La vittima ha riportato una ferita al volto e alcune tumefazioni giudicate guaribili in una settimana. “A evitare il peggio – sottolinea il sindacalista – è stato l’intervento di un altro agente”. Per il segretario è “inaccettabile che per colpe assai precise della politica e dell’amministrazione penitenziaria nel carcere di Trani non si possa più lavorare in quanto i detenuti violenti non vengono trasferiti”. “Non è accettabile – continua Pilagatti – che un carcere con 250 posti debba ospitare quasi 450 detenuti, mentre l’organico di polizia penitenziaria è ridotto ai minimi termini per le malattie determinate dai danni provocati dai detenuti e per i pensionamenti”. “Il Sappe ritiene che ci siano tutti gli elementi per un intervento della magistratura dopo che il decreto del 2008 aveva previsto il trasferimento alle Asl alle funzioni sanitarie afferenti agli ospedali psichiatrici giudiziari – conclude- le Regioni avrebbero dovuto garantire la cura e la riabilitazioni di tali soggetti , cosa che non avviene”.  (foto freepik)

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, addio al proprietario del ristorante...

Giornata di lutto nel mondo della ristorazione barese per la morte...
- 22 Aprile 2024

Disabilità: l’importanza dei montascale per garantire...

Nell'affrontare la vita quotidiana, le persone con disabilità si trovano spesso...
- 22 Aprile 2024

Il Festival della Valle d’Itria festeggia...

Si aprirà con la 'Norma' di Vincenzo Bellini, che nel 1977...
- 22 Aprile 2024

Nel Barese in 15 firmano per...

Un anno di formazione per imparare l'arte del panificatore oppure per...
- 22 Aprile 2024