DOMENICA, 21 APRILE 2024
72,642 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,642 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, nei parchi arrivano i cestini gettacarte “intelligenti”

Ecco di cosa si tratta

Pubblicato da: redazione | Mer, 21 Febbraio 2024 - 16:24

A Bari arrivano i primi cestini gettacarte “intelligenti”. Lo rende noto l’assessore all’Ambiente, Pietro Petruzzelli. I cestini, 33 per l’esattezza, d’intesa con Amiu Puglia, saranno posizionati su strada. Questi ultimi sono stati acquistati con fondi PON Metro React EU al costo di 7.500 euro l’uno e consentiranno da un lato di ridurre la frequenza degli svuotamenti e, contestualmente, di eventuali attività di manutenzione, dall’altro di diminuire le emissioni nocive nell’aria.

Il cestino da 360 litri, infatti, alimentato con energia solare e connesso a un software di gestione, trasmette dati relativi al volume dei rifiuti in modo da essere svuotato secondo le effettive necessità, il che offre la possibilità di programmare le rotte dei camion per la raccolta razionalizzando i percorsi in base al livello di riempimento raggiunto. La struttura in acciaio zincato, con verniciatura anti-graffiti, può essere fissata al suolo e presenta sulla parte superiore una cupola in policarbonato con pannello solare da 40 watt che a sua volta carica una batteria d’accumulo, in grado di rendere il cestino autosufficiente dal punto di vista energetico raccogliendo l’energia necessaria durante le ore diurne, per una carica fino a 105 giorni.

“Abbiamo fortemente voluto servirci di questa tipologia di cestino dopo gli ottimi risultati ottenuti con un dispositivo dalle caratteristiche analoghe durante la sperimentazione effettuata due anni fa in via Sparano, ad angolo con corso Vittorio Emanuele – ha spiegato Pietro Petruzzelli – l’’installazione di questi cestini permetterà certamente di migliorare il servizio di raccolta di Amiu, riducendo il numero degli svuotamenti e dando così la possibilità agli operatori di concentrarsi su altri servizi. I primi esemplari saranno posizionati nei parchi cittadini, che di fatto rappresentano i luoghi maggiormente frequentati, soprattutto in considerazione del fatto che il periodo primaverile è ormai alle porte” – conclude. Parole a cui fanno eco quelle di Paolo Pate, presidente Amiu Puglia.

“L’installazione di questi nuovi cestini intelligenti si inserisce in un più ampio piano di implementazione dei servizi che Amiu Puglia sta portando avanti da tempo, d’intesa con l’amministrazione comunale – spiega Pate – grazie a una tecnologia avanzata e all’avanguardia, alcuni problemi purtroppo legati alla gestione del decoro urbano, soprattutto nei mesi più caldi, potranno essere agilmente superati. La scelta di sistemare i primi esemplari in alcune zone particolarmente frequentate della città, dunque, è dettata dalla necessità di dotare Bari di strumenti sempre più performanti e utili a offrire un servizio ogni giorno migliore” – conclude.

Il cestino intelligente, che riduce la fuoriuscita di cattivi odori e impedisce l’apertura da parte di animali randagi, è composto da un pedale integrato, una bocca di conferimento dotata di maniglia, uno sportello laterale con chiusura nascosta antivandali per una facile estrazione del carrellato interno da parte degli operatori, un sensore a ultrasuoni integrato che rileva il livello di riempimento ogni 3 secondi (attivo h24), un sistema con luci a led di visualizzazione del livello di riempimento del contenitore secondo percentuali programmabili, rilevatore anti-incendio, una pressa compattante per la riduzione volumetrica dei rifiuti, feritoie d’areazione, predisposizione per fissaggio a terra e piedini regolabili. In caso di incendio, inoltre, attiva un sensore che rileva il fuoco e trasmette la notifica al centro di controllo.

La quantità massima di rifiuti comprimibili in questi cestini è pari a 1080 litri, il che aumenta sensibilmente la capacità di raccolta dei rifiuti. In normali condizioni di funzionamento, il compattatore esegue 15-50 compattazioni in ventiquattro ore senza compromettere la batteria di alimentazione. Una volta raggiunto il limite di riempimento, la bocchetta di conferimento viene inibita in modo da non consentire ulteriori conferimenti, segnalandolo all’utenza attraverso un LED rosso: nello stesso momento viene inviato un avviso via mail o sms agli operatori per lo svuotamento del cestino. Il cestino, inoltre, è dotato di una soluzione “tattile”: sulla superficie esterna sono attivi dei pannelli che possono essere percepiti da persone cieche e ipovedenti facendo scorrere il bastone bianco d’ausilio. La struttura dei cestini intelligenti è resistente anche alle infiltrazioni di acqua piovana. Ogni cestino, dotato di un portacenere integrato, si può aprire sia con una maniglia sia con la pedaliera. Qualsiasi malfunzionamento del cestino (sportello lasciato aperto, riempimento eccessivo e/o manomissione, malfunzionamento della pressa compattante, livello di batteria di accumulo basso) viene segnalato con un allarme via sms o mail.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Un droga party in pieno centro...

La foto non lascia nulla al caso. Bottiglie di super alcoolici...
- 21 Aprile 2024

Ricerca di personale nel settore turistico:...

Dalla nuova indagine realizzata da Risposte Turismo “The Challenges of Human...
- 21 Aprile 2024

Decaro si candida alle Europee: “Non...

Con un post sui suoi canali social il sindaco di Bari,...
- 21 Aprile 2024

Mantenere un neonato è sempre più...

Anche quest’anno l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha aggiornato il monitoraggio...
- 21 Aprile 2024