MARTEDì, 21 MAGGIO 2024
73,328 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
73,328 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Il Pd Puglia sulle primarie a Bari: “Il 24 marzo con almeno 6 seggi”

"Basta con i veti, soprattutto sulla partecipazione"

Pubblicato da: redazione | Lun, 4 Marzo 2024 - 16:52
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

“In queste ore, il dibattito sulle regole delle primarie sta diventando un tira e molla stucchevole che i cittadini faticano a comprendere. Ogni giorno che passa senza decidere allontana l’unità della coalizione. Abbiamo accettato che le primarie, o unitarie che siano, vengano svolte il 24 marzo, giornata dedicata alla festività delle Palme. Ma ribadiamo con forza che solo una larga partecipazione della comunità del centrosinistra garantisce di mettere in assoluta minoranza chi vuole condizionare primarie o le elezioni vere”. Lo dichiarano il segretario regionale del Pd pugliese, Domenico De Santis, il segretario provinciale Pd Bari, Pino Giulitto e il segretario cittadino Pd Bari, Gianfranco Todaro.

“Di qui – aggiungono – parte la nostra proposta di allestire seggi in tutta la città. Restringere la partecipazione dei cittadini vuol dire trasformare una grande festa democratica in un piccolo raduno di pochi. Così non saranno primarie, saranno elitarie. In una città che si estende per quasi 120 chilometri quadrati, con 320.000 abitanti, per svolgere una consultazione è necessario aprire almeno un seggio in ogni municipio e 2 seggi nel municipio più grande. Per un totale di 6. Abbiamo accettato di venire incontro a tutte le proposte di cambiamento. Proposte che modificano un modello utilizzato dalla nostra comunità progressista moltissime volte in passato. Abbiamo accettato la preregistrazione, consentendo che sia possibile farlo fino all’ultimo minuto del 24, e siamo d’accordo anche a trovare una soluzione tecnica per consentire il voto elettronico. Nessuno può quindi nutrire dubbi sulla nostra volontà di trovare un punto d’incontro. E’ di tutta evidenza la nostra volontà di mettere in campo ogni cautela per prevenire qualsivoglia ‘inquinamento’. Ma questo non può essere confuso con la frapposizione di ostacoli alla partecipazione di quanta più gente possibile”. “Accedere a questa tesi – concludono – significherebbe ritenere che la stessa partecipazione alle elezioni di Giugno sia a “rischio” infiltrazioni perché ancora più estesa. Basta, quindi, con i veti, soprattutto sulla partecipazione”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Obesità, è curabile con un approccio...

 E' stata firmata al Lido di Venezia, la Venice Declaration 2024 in occasione...
- 21 Maggio 2024

Puglia, dalla Regione 15 milioni per...

Quindici milioni di euro per procedere alla liquidazione delle somme restanti...
- 21 Maggio 2024

Vendevano fitofarmaci illegali, maxi sequestro nel...

Vendevano fitofarmaci illegali per un valore commerciale di 220mila euro. È...
- 21 Maggio 2024

Salute, dalla Regione Puglia ok a...

È stata approvata all'unanimità dal Consiglio regionale della Puglia la legge...
- 21 Maggio 2024