MERCOLEDì, 22 MAGGIO 2024
73,328 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
73,328 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Olio d’oliva, per rilanciarlo puntare su valori salutistici

Rivedere la normativa Ue per accrescere conoscenza prodotto

Pubblicato da: redazione | Mar, 5 Marzo 2024 - 16:10
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

Mettere al centro della strategia di filiera il valore dell’olio extravergine, puntando soprattutto sui benefici salutistici. A Olio Officina Festival, la manifestazione dedicata al mondo dei condimenti appena terminata a Milano, Assitol, l’Associazione italiana dell’industria olearia, ha condiviso con i protagonisti del settore la sua visione strategica, invitando tutti a lavorare insieme per superare le difficoltà del momento.

Nell’ultima campagna olearia la minore disponibilità di materia prima, causata dal cambiamento climatico – si legge in una nota di Assitol – ha provocato l’aumento delle quotazioni ed il calo dei consumi, in Italia come all’estero. Nonostante la Puglia, la regione a maggiore vocazione olivicola, abbia registrato una produzione superiore alle aspettative, le previsioni per il futuro appaiono poco brillanti. Tutto il Mediterraneo ha sofferto per mesi la siccità, che ha dimezzato i quantitativi della Spagna, il più grande produttore al mondo. Nel talk “Mercato dell’olio in fibrillazione, le possibili strategie per il futuro”, Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, ha ricordato questo quadro complesso, rilanciando sulla necessità di promuovere le grandi qualità dell’extravergine. “L’olio d’oliva è una spremuta di olive, non un detersivo, è inaccettabile trattarlo da commodity, la sua capacità di regalare benessere è unica. Questo è il momento storico giusto per trasmettere al consumatore che l’extra vergine ha un valore ben preciso, quindi va pagato in modo adeguato, come già succede con il vino”. La necessità di rilanciare l’olio di oliva passa, secondo gli esperti intervenuti alla rassegna, anche attraverso un rilancio degli aspetti salutistici di questo alimento. “Allo stato – ha sottolineato Anna Cane, presidente del gruppo olio di oliva di Assitol – è praticamente impossibile raccontare in etichetta quanto fa bene alla salute il nostro extravergine e perché. La normativa Ue va rivista, per accrescere la conoscenza del prodotto non soltanto in Paesi olivicoli come l’Italia, ma anche dove l’extravergine è poco conosciuto”.
Eppure l’olio è l’unico alimento studiato sull’uomo e, quindi, veramente testato dal punto di vista degli effetti sulla salute. “La ricerca medica ha ampiamente riconosciuto la valenza nutrizionale di questo prodotto – ha osservato la presidente degli imprenditori – ma se non si parla la lingua del consumatore in etichetta, diventa difficile far conoscere la portata salutistica dell’extravergine”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Obesità, è curabile con un approccio...

 E' stata firmata al Lido di Venezia, la Venice Declaration 2024 in occasione...
- 21 Maggio 2024

Puglia, dalla Regione 15 milioni per...

Quindici milioni di euro per procedere alla liquidazione delle somme restanti...
- 21 Maggio 2024

Vendevano fitofarmaci illegali, maxi sequestro nel...

Vendevano fitofarmaci illegali per un valore commerciale di 220mila euro. È...
- 21 Maggio 2024

Salute, dalla Regione Puglia ok a...

È stata approvata all'unanimità dal Consiglio regionale della Puglia la legge...
- 21 Maggio 2024