Cabtutela.it
acipocket.it

BARI – Scontri, cariche, lancio di bottiglie, panico, pianti, urla di paura, fuggi fuggi: scene da Far west ieri sera, poco dopo le 22, nel pieno svolgimento dell’ultimo giorno della festa dedicata a San Nicola. I commercianti abusivi che avevano già protestato in maniera veemente ieri mattina, 9 maggio, sul lungomare, e che avevano minacciato di morte il sindaco Decaro, sono tornati alla carica nella serata senza farsi scrupoli della presenza di migliaia di persone, tra le quali anche molti bambini.\r\n\r\nTra il Chiringuito e piazza Diaz, sempre sul lungomare, hanno cominciato prima ad insultare verbalmente i vigili urbani, poi è cominciato un fitto lancio di bottiglie e oggetti. Qualcuno ha persino udito degli spari di pistola (notizia non vera ma che, dopo essersi diffusa, ha creato panico tra i presenti), alla fine sono dovuti intervenire carabinieri e poliziotti in assetto antisommossa e ci sono state delle cariche di alleggerimento. Paura tra la folla e tensione altissima.\r\n\r\nLe forze dell’ordine hanno fermato quattro facinorosi, ma il numero è destinato a salire. Un carabiniere è stato ferito alla testa e si è fatto medicare dagli operatori del 118. Diversi feriti anche tra coloro che erano lì ieri sera solo per godersi l’ultimo giorno di festa: quando sono cominciate le cariche, c’è stato un fuggi fuggi e nella ressa decine di persone sono cadute sull’asfalto e sono state calpestate da chi scappava impaurito. Non era mai successa una cosa del genere, la festa più sentita dai baresi rovinata e macchiata da un centinaio di persone circa. Gli abusivi rivendicavano il loro “diritto” a vendere senza autorizzazione cibo per strada con le loro fornacelle.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Come si può pretendere il rispetto della legalità, peraltro in occasione di una festa con grande richiamo di fedeli, quando ogni giorno dell’anno ed a qualsiasi ora la città è preda di ogni forma di abusivismo, sopruso, inciviltà con l’aggravante che tali situazioni sono vanamente istacolate solo nelle zone centrali e ignorate nelle altre soprattutto se periferiche.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui