BARI – Ancora insulti e minacce per il sindaco Antonio Decaro. La polizia postale ha acquisito un altro messaggio arrivato al primo cittadino nelle ultime ore, frasi pesanti che, visto quanto accaduto durante la festa di San Nicola, non vengono sottovalutate dalle forze dell’ordine. “Decaro è un pezzo di m…. e deve morire” e ancora “Io sono pronto ad una guerra”: parole che certo manifestano rancore e che potrebbero essere figlie del momento di rabbia, ma che – come detto – non vengono prese sotto gamba dagli inquirenti. Decaro aveva ricevuto altri messaggi di questo tenore durante la festa di San Nicola dai venditori abusivi: il sindaco viene accusato di non aver permesso a chi non aveva le autorizzazioni, durante i tre giorni di sagra, di piazzare le proprie fornacelle e bancarelle improvvisate.  Un diniego che ha provocato l’ira degli abusivi, che prima hanno occupato il lungomare e poi, la sera del 9 maggio, hanno dato vita ad un corpo a corpo con le forze dell’ordine. Uno di loro è stato arrestato e si trova agli arresti domiciliari in attesa del processo, che riprenderà a fine mese. Tre vigili urbani e un carabiniere riportarono diverse ferite durante gli scontri. La prefettura ha deciso di aumentare la sorveglianza per evitare che qualche folle possa rendersi protagonista di gesti sconsiderati.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here