Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

L’inverno è alle porte, e con lui i primi sbalzi di temperatura e i virus influenzali. Uno dei modi per prevenire la trasmissione di questi virus è l’igiene costante e ogni anno la Giornata Mondiale della Pulizia delle Mani ce lo ricorda.

\r\n

Se per noi la frase “lavati le mani!” è tra le più comuni fra quelle pronunciate dai genitori ai loro figli, non si può dire altrettanto per numerose altre nazioni del mondo.

\r\n

Secondo quanto segnalato dall’Unicef “Ogni anno le malattie diarroiche e le infezioni respiratorie acute sono responsabili della morte di oltre 3,3 milioni di bambini sotto i cinque anni. Lavarsi le mani con acqua e sapone specialmente in alcuni momenti critici – dopo aver usato i servizi igienici e prima di toccare gli alimenti – contribuisce a ridurre l’incidenza delle malattie diarroiche di oltre il 40% e le infezioni respiratorie acute del 23%.” Eppure questo semplice comportamento non viene praticato regolarmente. Sempre l’Unicef ricorda “Possiamo fare molto contro le due principali malattie killer dell’infanzia: la polmonite, che uccide ogni anno 1,8 milioni di bambini sotto i 5 anni e la diarrea, che uccide 1,5 milioni di bambini“.

\r\n

Istituita nel 2008 durante la settimana annuale dell’acqua tenuta a Stoccolma, la Giornata Mondiale della Pulizia delle Mani ricorre oramai ogni 15 ottobre, con iniziative di sensibilizzazione ed educazione all’igiene in tutto il mondo.

\r\n

Con l’introduzione di semplici cambiamenti comportamentali – lavaggio delle mani con il sapone – è possibile ridurre il tasso di mortalità per queste malattie di quasi il 50 per cento.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui