Cabtutela.it
acipocket.it

Infine, i bambini. Natale è soprattutto la loro festa e il palinsesto televisivo ne è assolutamente cosciente. Anche se da metà dicembre fino al sei gennaio, i canali Tv sono invasi dai cartoni animati, qui si propone una breve lista di film d’animazione da non perdere, da far vedere ai vostri bambini o, perché no, da rivedere voi stessi.

\r\n

Il canto di Natale di Topolino

\r\n

Ispirato al romanzo breve di Charles Dickens, A Christmas Carol: A Goblin Story of Some Bells that Rang an Old Year Out and a New Year In, Il canto di Natale di Topolino è un cortometraggio del 1983 girato da Burny Mattinson per la Walt Disney Production. Tra le innumerevoli versioni cinematografiche del celebre racconto di Dickens, questa versione – con Zio Paperone nei panni di Ebenezer Scrooge – è probabilmente una delle migliori. Complice la combo perfetta tra la magia dell’atmosfera natalizia e gli intramontabili personaggi Disney, il cartone animato è diventato negli anni un appuntamento imperdibile nella programmazione delle feste, che insegnerà ai più piccoli i valori della condivisione, della generosità e dell’altruismo.

\r\n

Il canto di Natale di Topolino

\r\n

Il figlio di Babbo Natale

\r\n

Come fa Babbo Natale a consegnare i regali per tutti i bambini del mondo in una sola notte? E come fa a ricordarsi dei desideri di tutti? Il figlio di Babbo Natale – film d’animazione  del 2011 della Aardman Animations – dà una sua risposta a queste domande, immaginandosi un team superspecializzato di elfi-aiutanti di Babbo Natale organizzati con precisione militare. Tassello debole di questa macchina da guerra natalizia, l’impacciato figlio del boss – Arthur – che compensa la sua inesperienza con un gran cuore. L’ambientazione natalizia diventa in questo film l’occasione per un buffo scontro generazionale, tra vecchi e nuovi Babbi Natale. Un film che divertirà sicuramente i bambini, senza annoiare gli adulti.

\r\n

Arthur Christmas

\r\n

Nightmare before Christmas

\r\n

Nightmare before Christmas é, possibilmente, il film di natale per definizione. Non a caso è firmato dal miglior Tim Burton di sempre, il primo Tim Burton. Il film, prodotto in stop animation, narra le avventure di Jack Skeletron, spirito dalle sembianze scheletriche patrono di Halloween e miglior spaventatore della Città di Halloween, la quale, anno dopo anno si prepara ad esibirsi nella spaventosa parata di Halloween. Alla ricerca di nuova ispirazione per la sua prossima esibizione, si addentra nella Città del Natale rubandone un pezzo fondamentale. La noncurante maleficità di Jack metterà in pericolo l’esistenza del Natale stesso. In concomitanza con il suo ritorno in casa Disney (dopo aver avuto divergenza con la casa di distribuzione per il tono troppo cupo delle sue opere), Burton crea un classico destinato ad essere ricordato per il decennio a venire, insieme ai suoi personaggi iconici, Jack, Sally, Babbo Nachele e tutta la cittadina di Halloweentown, alle sue canzoni e al suo look unico meritevole di imitazioni e spietato merchandise.

\r\n

\r\n

Le 5 leggende

\r\n

Le 5 leggende è un film di animazione del 2012 marchiato Dreamworks. Nel panorama stantio dell’animazione natalizia, rappresenta una rara ventata di novità in termini di qualità e livello di intrattenimento. Al polo nord, un muscoloso, tatuato Babbo Natale hipster si prepara per le celebrazioni annuali; una misteriosa minaccia sta però cercando di sabotarle, Pitch Black, l’uomo nero. Per sventare l’attacco del suo arcinemico, Babbo Natale (detto Nord) recluta 3 leggende, suoi datati collaboratori: la fatina dei denti Dentolina, il coniglio pasquale Calmoniglio e Sandman, detto Sandy, l’omino dei sogni d’oro. Anche unendo le loro forze, le leggende subiscono gravi perdite fino a che non solo il natale, ma tutte le feste e la felicità dei bambini di tutto il mondo sono a repentaglio. Un’ultima leggenda viene cosi reclutata, Jack Frost, lo spirito gogliardico e ribelle che trasforma tutto in ghiaccio. Mettere Jack in riga è l’ultima speranza dei bambini alla vigilia di Natale.\r\nQuesta favola radicata nella cultura popolare americana delle feste, offre un punto di vista particolare rappresenta un classico delle festività a tutto tondo, da Pasqua a Natale.

\r\n


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui