Cabtutela.it
“Dopo 20 anni di attesa il Comune di Bari si “dota” di un nuovo regolamento taxi vergognoso e perde l’occasione di introdurre, in questo settore economico, vere innovazioni e spunti di sviluppo.
Bari, capoluogo di regione e Città metropolitana, come peraltro già fatto da altre grandi città (Bologna e Torino), avrebbe dovuto  -utilizzando le previsioni del testo unico enti locali- proporre (almeno ai comuni limitrofi) l’adozione di un regolamento unificato dei taxi -per evitare cosi’ che a distanza di pochi chilometri lo stesso servizio pubblico sia regolamentato da regole differenti- invece di dotarsi di un proprio regolamento, valido appunto solo sul territorio cittadino.
Avrebbe dovuto, poi, disciplinare nel nuovo regolamento le possibilità/liberalizzazioni –da  tempo introdotte- dai decreti “Bersani”, che nel settore taxi consentono, per esempio, il rilascio di licenze temporanee in concomitanza di “picchi stagionali” (Fiera del Levante,  Festa di San Nicola, congressi nazionali, etc).
Avrebbe dovuto, ancora, regolamentare la tipologia degli autoveicoli adibiti al servizio taxi, prescrivendo rigorosamente la circolazione di automezzi a basso impatto ambientale e favorendo il rilascio di nuove licenze taxi ad autovetture ad alimentazione  elettrica o almeno ibrida.
Nulla di tutto questo, nelle veci, l’amministrazione Decaro ha ritenuto (dopo anni di attesa) di fare e nulla di tutto questo i consiglieri comunali –che recentissimamente hanno votato a favore del regolamento- hanno inteso introdurre.
Non solo. Si espone Bari al pubblico ludibrio nazionale, con prescrizioni allucinanti come –per esempio- quella prevista all’art.26 lett j. che prevede il divieto di esposizione per il tassista della targa FUORI SERVIZIO (?); o quella dell’art.27 lett.m. che prevede il divieto di scendere dal taxi senza prima aver pagato (!); o quella dell’art.29 lett.d. che prevede l’obbligo di avere un bagagliaio idoneo al contenimento di valigie (?); o, ancora, quella dell’art.41 che prevede che le tariffe siano determinate dalla Giunta Municipale (organo da tempo inesistente, nei comuni, poichè sostituito dalla giunta comunale).
Anche la “strombazzata” novità del c.d. “taxi collettivo”, è invero una pallida e rattrappita possibilità, rispetto alle potenzialità di tale servizio;  che a Bari potrà svolgersi esclusivamente in favore di almeno tre utenti “accumunati” (è proprio scritto cosi’..) “dallo stesso punto di origine e con destinazione sulla medesima direttrice”. E che invece in Italia è un  servizio che, grazie alla condivisione del taxi tra estranei, permette tariffe più economiche consentendo di salire e scendere in punti diversi della città o in località diverse.
Insomma –come detto- l’ennesima occasione persa per allineare Bari alle altre città italiane più avanzate; e sopratutto l’ennesimo atto amministrativo che una sciatta giunta comunale ha fatto approvare, a uno svogliato e molto poco partecipe gruppo di consiglieri comunali. C’è solo da auspicare, per il prestigio della Città di Bari, che internet non diffonda troppo questo vergognoso regolamento”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui