Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Le novità wedding per il 2017 sono legate ad uno stile anni Venti, vintage e retrò, con tagli tradizionali, pizzi e ricami con disegni floreali. Alla base sempre la sensualità mostrando tra le passerelle abiti scivolati o lunghi strascichi con braccia spesso coperte da lunghe maniche in pizzo, ma che scoprono sempre in modo elegante schiena, spalle e decolleté. Tra gli scolli  è quello off-shoulder il più declinato tra gli abiti proposti, ma non mancano vertiginosi scolli a V che scoprono sensualmente sia il decolleté sia la schiena.

Tra i brand per le spose, spiccano per personalità rispetto alle tendenze dettate dalle passerelle 2017 Reem Acra, che propone abiti che seguono queste novità, aggiungendo tra le altre particolari floreali o applicazioni luccicanti insieme a gonne più ampie o balze fluttuanti.

Le spose di Marchesa sono arricchite di pizzi, applicazioni floreali e luccichii, ma l’attenzione è rivolta in modo particolare alla silhouette. Al centro è, infatti, il corpo della sposa di cui si esaltano le curve e la femminilità.

In questo quadro c’è Yolan Cris che ancora una volta propone uno stile lontano dai tipici canoni, un vintage Boho con abiti ricchi di pizzi e scolli, ma anche di lunghi strascichi ricamati e audaci trasparenze. Una donna con grande carattere, che spesso di discosta dalla classica immagine di sposa.

Dalle passerelle Haute Couture Primavera 2017, non mancano inoltre abiti di forte impatto con design principeschi, come quelli di Elie Saab e Zuhair Murad o che ricordano gli abiti indiani arricchiti di strass e fiori applicati. Il bianco non è l’unico protagonista, affiancato dal cipria, dal rosa di Chanel e dal dorato accompagneranno la sposa verso la passerella più importante della sua vita. Sarà sufficiente scegliere il proprio stile, e senza dubbio, in un quadro così variegato, l’abito perfetto non sarà difficile da trovare.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui