Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Prime donazioni da parte dei centri commerciali e degli imprenditori del territorio per la “Casa delle bambine e dei bambini”,  la struttura comunale nata da un’idea dell’assessorato al Welfare, che sarà inaugurata mercoledì alle 11.

Il centro polifunzionale, situato all’interno del complesso “Baridomani”, sulla strada provinciale 110 Modugno-Carbonara, offrirà servizi e attività innovative pensati per le esigenze dei bambini e delle loro famiglie in difficoltà economica ma non solo.

All’appello lanciato qualche giorno fa dal sindaco Antonio Decaro in pochi giorni hanno aderito già diverse realtà, come la Coop Alleanza 3.0, che si è impegnata a devolvere gratuitamente alla Casa delle bambine e dei bambini parte dei prodotti del progetto “Brutti ma Buoni” – merce che per motivi vari (confezioni danneggiate, etichette deteriorate, ecc.) non viene più messa in vendita, pur mantenendo inalterate le proprie caratteristiche d’uso, nutrizionali e igieniche – e ad organizzare periodicamente campagne di raccolta alimentare per il nuovo centro, oltre a prevedere una fornitura straordinaria in occasione dell’apertura del centro.

La fondazione Strade di San Nicola ha donato alla Casa delle bambine e dei bambini un furgone che sarà utilizzato per la raccolta e il trasporto dei beni raccolti e per raggiungere tutti i quartieri di Bari in occasione di eventi di sensibilizzazione rivolti alla cittadinanza.

Anche il pastificio Divella, azienda leader del settore, ha assicurato il proprio supporto al progetto, cui destinerà donazioni di pasta e di prodotti da forno.

L’AQP, invece, ha avviato una campagna di sensibilizzazione tra i suoi dipendenti attraverso una raccolta di beni alimentari, accessori e indumenti per la prima infanzia.

L’Ikea store di Bari ha già donato alla Casa delle bambine e dei bambini dei peluches che saranno a disposizione dei più piccoli nell’area riservata alle attività ludiche.

“Siamo contenti dei primi riscontri che stiamo ottenendo in questi giorni – commenta l’assessora al Welfare Francesca Bottalico – ma abbiamo ancora bisogno dell’aiuto e del sostegno di associazioni, aziende e cittadini per portare avanti insieme questo importante progetto di solidarietà. Accanto ai grandi nomi della distribuzione, che ringrazio anche a nome del sindaco, grandi e piccole realtà si stanno mobilitando attraverso raccolte e donazioni, come sta accadendo in alcune scuole cittadine e in un centro diurno per minori che hanno lanciato una raccolta di giocattoli da destinare ai bambini che frequenteranno il centro, oppure come ha fatto la Caritas di Carbonara che ha raccolto delle confezioni di latte per i neonati. La solidarietà è contagiosa, sono certa che in molti seguiranno l’esempio di questi primi sostenitori”.

Chiunque voglia contribuire può chiamare il numero verde 800 005 444 o compilare il form su www.cbb.bari.it.

Per chi invece voglia effettuare un bonifico, l’IBAN è IT 55 Q 0542404014 000001025206.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui