DOMENICA, 16 GIUGNO 2024
73,907 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
73,907 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, l’Arpa Puglia: “No al nuovo inceneritore nella zona industriale, troppe emissioni inquinanti”

Pubblicato da: redazione | Mer, 22 Marzo 2023 - 18:47
Arpa
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

L’Arpa Puglia ha sottolineato criticità sull’eventuale presenza di un altro inceneritore di rifiuti che dovrebbe sorgere alle porte di Modugno. L’Agenzia ha espresso parere sfavorevole, nel procedimento di Valutazione di impatto ambientale (Via), sul progetto proposto un anno fa dalla società Newo per la realizzazione, nella zona industriale di Bari, di un impianto di coincenerimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi di natura urbana.

L’assessore all’ambiente del Comune di Modugno, Tina Luciano commenta: “Apprezziamo il pronunciamento dell’agenzia pugliese per la protezione ambientale. Si tratta di un parere in linea con il percorso “Rifiuti zero, da noi intrapreso, secondo cui il miglior modo per eliminare i rifiuti è prevenire, ovvero ridurre la loro produzione o, in alternativa, avviarli il più possibile a recupero. Il progetto Newo contrasta apertamente con “Rifiuti zero” in quanto da un lato comporta la combustione, e quindi la distruzione, di molti materiali che possono essere invece riciclati o riutilizzati come carta, legno, plastica, stracci, materiale organico, e dall’altro incoraggerebbe pratiche tendenti ad aumentare la produzione di frazione indifferenziata. A Modugno abbiamo già raggiunto livelli molto elevati di raccolta differenziata e da qui non torniamo indietro”.

Il parere sfavorevole di Arpa Puglia si basa sull’analisi della documentazione di progetto presentata da Newo dalla quale emergono “criticità sulle tecnologie di ossicombustione in pressione flameless” (un processo cioè che utilizza ossigeno in luogo di aria) e sull’impatto odorigeno delle emissioni. Arpa aggiunge, inoltre, che “il quadro emissivo esistente nelle zone industriali di Modugno e Bari, di fatto, mostra una criticità d’area che dovrebbe far evitare l’aggiunta di ulteriori impatti emissivi”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Turisti pazzi per Bari vecchia: “E’...

Il borgo antico di Bari incanta i turisti. Considerato lo scorcio...
- 16 Giugno 2024

La Puglia in volo: ecco le...

Ventuno nuove rotte da e per la Puglia per l'estate 2024....
- 16 Giugno 2024

Vacanze? Non tutti si spostano da...

C’è chi resterà in Puglia (e chi ci tornerà in quanto...
- 16 Giugno 2024

I sette fatti più importanti a...

Prima gli exit poll e poi i risultati di Europee e...
- 16 Giugno 2024