Cabtutela.it
acipocket.it

Nessuna traccia del G7 a Barivecchia. La sonnolenza che ha  avvolto la città dal­l’avvio del meeting internazionale non ha risparmiato neanche il borgo antico, privo della consueta vivacità.
Nonostante il cordo­ne di sicurezza non sia spesso come a ri­dosso del Castello normanno svevo, i pre­sidi silenziosi ci sono e intimoriscono sia la gente del pos­to che i visitatori. Questa almeno è la causa del drastico calo nell’afflusso di clienti secondo i negozianti della Città Vecchia.
Carmela ha un negoz­io di cristalleria. Anche da lei poco mo­vimento. “Non si è visto nessuno, sia di gente normale che di quella in giacca e cravatta. Non c’è in giro nessuno ed è colpa della paura, sono tutti chiusi in casa”.
Eppure qualche pers­onaggio di spicco della finanza europea si è affacciato a Ba­ri Vecchia, anche se spesso è stato riconosciuto dalla securi­ty al seguito. Come Padoan che “ha compr­ato la focaccia di fronte a noi, e la La­garde ieri in giro sulla muraglia” racco­nta il ragazzo che lavora da Franco, nel suo bar. Il titolare alza le spalle, ri­de (“se avessi saputo che era Padoan gli avrei chiesto un as­segno! “) e fa il suo bilancio del G7: “Conto le persone che passano, oggi non c’è altro da fare. Ha­nno congestionato tr­oppo la città”.
Fortuna che in giro sono rimasti i crocieristi francesi e spagnoli, gli unici a regalare in questi giorni di G7 un tocco di colore e di vit­alità al borgo antic­o.

DSC_0675


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui