Cala il sipario sui Campionati Nazionali Universitari di Catania e Genova 2017. La rappresentativa di Uniba e Poliba, sotto l’egida del CUS Bari, ha partecipato con 113 atleti che hanno gareggiato nelle discipline di  atletica, beach volley, calcio a 5 maschile, canoa, canottaggio, judo, karatè, pallacanestro, pugilato, scherma, taekwondo, tennis, tennis tavolo, tiro a segno e vela.
Un successo quello di quest’’anno che va oltre ogni previsione con  i 44 atleti medagliati che hanno conseguito complessivamente 59 medaglie individuali e 4 medaglie a squadra (29 in più rispetto al 2016).
Si ricorda Marco Micunco convocato alle Universiadi di Taipei, campione nazionale universitario di Tennis e, ancora le 15 medaglie meritatissime della divisione barese di Taekwondo che ha portato a casa 9 bronzi, 2 argenti e 4 ori.

La divisione Karate allenata dal maestro Marcello De Vivo del Cus Bari, coadiuvato dal maestro Carmelo Malleo, ha portato a casa un bel terzo posto a livello nazionale. Gli 8 atleti si sono contraddistinti per il loro comportamento sia sul tatami (tappeto) che fuori, dimostrando ancora una volta educazione, rispetto, e spirito di squadra in linea con gli insegnamenti appartenenti alla nostra disciplina, ed al Centro Universitario Sportivo di Bari. Medaglia d’oro  Samuel Stea spec. Kata Maschile, medaglia d’argento Simona Ducale spec. Kata Femminile, medaglia d’argento con Cioce Salvatore spec. Kumite Maschile cat. -84, medaglia d’argento con Laura Petruzzella spec. Kumite Femminile cat. -55 e quattro quinti posti per Alessandro Modugno, StefanoMehlab, Elisabetta Gramegna, e Tatoli Giuseppe

Campioni Nazionali Universitari anche nel Beach volley.  Nella finale/derby contro il CUS Foggia Alessandro Porcelli, scienze motorie, e Michele Cassano, giurisprudenza conquistano l’oro.
Ma non finisce qui, Miriam Capocasale, studente atleta di lingue, argento nel tiro al segno, e dopo 12 anni a Catania, l’atletica torna a fare il pieno di medaglie con un oro, un argento e un bronzo.
Luca Antonio Cassano, studente a Bari di Scienze delle Attività Motorie e Sportive e soprannominato dai tifosi “formica atomica”, dopo aver dominato le batterie, conquista la finale dei 100m con il tempo di 10.43 aggiudicandosi l’oro.  Per Luca l’accesso di diritto agli Europei Under 23 che si terranno a Luglio.

Nella stessa gara, raggiunge a sorpresa il terzo gradino del podio Giuseppe Serrone, studente del Politecnico di Bari e autore di una splendida performance.

Argento ad Angelika Wiegierska, studentessa di Medicina, a soli due centesimi dall’oro. L’’atleta grazie al tecnico Luca Ceglie, in meno di un anno è passata dai 100m piani a quelli con gli ostacoli e si sta togliendo numerose soddisfazioni a livello nazionale.

Felici e soddisfatti il rettore dell’’Università di Bari “A.Moro” Antonio Felice Uricchio, il rettore del Politecnico barese Eugenio Di Sciascio, il presidente del CUS Bari Giuseppe Seccia e Silvio Tafuri, presidente del Comitato per lo Sport Universitario, che a nome di tutti commenta: ” Ognuno di questi ragazzi ha imparato cosa significa lealtà, impegno, sacrificio, e passione. Loro sono la speranza di una società migliore””.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here