Sono esasperati i residenti di Japigia, di Carbonara, Ceglie, Loseto e Santa Rita. Stanchi di dover restare anche in estate con le finestre chiuse a causa dei fumi degli incendi, fumi pericolosi perché ad andare a fuoco sono soprattutto rifiuti gettati nelle campagne e nei suoli privati. Su richiesta del sindaco Antonio Decaro si è quindi tenuto un comitato per l’ordine e la sicurezza in Prefettura. Durante il quale sono state definite le strategie da perseguire per mettere fine a questi fenomeni.

Sono due le zone sotto l’attenzione delle forze dell’ordine: un’area tra Japigia e Sant’Anna e la seconda, ben più vasta, tra Santa Rita, Carbonara Ceglie e Loseto, a cavallo della linea ferroviaria Bari – Bitritto. “Ci sono due tipologie di rifiuti che vengono abbandonati – spiega il sindaco – l’immondizia che proviene dai residui di attività di edilizia, ad esempio aziende che per non pagare le discariche, gettano in strada, e quelli che invece contengono rame e acciaio. Nel primo caso vengono bruciati per cancellare eventuali tracce per risalirne alla provenienza, nel secondo per ricavare appunto rame e acciaio da rivendere”. La polizia locale e i carabinieri hanno installato delle fototrappole per stanare i trasgressori. “Ho chiesto alla Prefettura di coordinare le attività di controllo tra tutte le forze dell’ordine. Nel frattempo l’Amiu ha cominciato la pulizia almeno delle aree pubbliche che vengono trasformate in discariche”.

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here