È stato siglato questa mattina, nel Centro servizi per le famiglie di Santa Rita – Carbonara, il protocollo d’intesa per la “Casa della prevenzione e della gestione dei conflitti”, con il quale il Comune di Bari – assessorato al Welfare, il Ministero della Giustizia, i garanti regionali dell’Infanzia e dei Diritti delle persone private della libertà hanno condiviso l’impegno di promuovere un luogo e dei percorsi di riqualificazione dei modelli di relazione e della gestione dei conflitti all’interno della comunità barese.

Non si tratta di una lettera d’intenti ma di un vero e proprio programma operativo che riporta con chiarezza compiti e responsabilità che ciascuno dei sottoscrittori, secondo i principi della giustizia riparativa, assume per contrastare l’abitudine ad accettare modelli di relazione fondati sull’ostilità, la reazione punitiva, la chiusura difensiva nei contesti familiari o più prossimi e conosciuti.

L’idea è quella di dotare la città di Bari di un servizio che si occupi di reperire e mettere a disposizione dei cittadini risorse specializzate (mediatori), oltre un luogo fisico di riferimento dove accogliere, dare una dimensione e trovare vie d’uscita condivise per le diverse situazioni di conflitto, da quelle generate dai reati (reo-vittima) a quelle familiari (di coppia o generazionali), sociali (di vicinato o interculturali) o scolastiche (bullismo, alunni-insegnanti o tra i ruoli educativi), operando un significativo cambio di prospettiva con cui rispondere al reato secondo logiche e modalità diverse, principalmente attraverso l’incontro di mediazione fra la vittima e l’autore di reato.

Con questi obiettivi all’interno del Centro per famiglie di Santa Rita (via Costruttori di pace, 4) saranno realizzate azioni di:

  • promozione di cultura e pratiche riparative, soprattutto nei contesti di convivenza difficile e multiproblematica
  • presa in carico e verifica della mediabilità di conflitti generati da reati
  • ricerca e sviluppo di pratiche riparative e risarcitorie dirette e indirette
  • costruzione di percorsi di responsabilizzazione per chi ha sbagliato e di superamento dell’etichettamento sociale conseguente.

Con l’avvio di questo nuovo servizio, orientato alla pratica di una cultura della pace e della convivenza solidale, sarà possibile far emergere antiche competenze sociali e di coesione della comunità barese, superando la logica della delega delle responsabilità e del “gioco a somma zero” (io vinco se tu perdi).

Hanno siglato l’accordo l’assessora comunale al Welfare e i rappresentanti di C.G.M. – Centro Giustizia Minorile per la Puglia e la Basilicata, UIEPE- Ufficio Interdistrettuale di Esecuzione Penale Esterna per la Puglia e la Basilicata, P.R.A.P. – Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria Puglia e Basilicata, Corte D’Appello di Bari, Tribunale Ordinario di Bari, Tribunale per i Minorenni di Bari, Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bari, Tribunale di Sorveglianza di Bari, Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, Garante regionale per i diritti dell’infanzia e adolescenza e Casa Circondariale di Bari.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
fieradellevante.it
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here