Un anziano salentino uccide la vicina di stanza colpendola con il trapezio del letto.  L’omicidio è avvenuto in una casa di riposo di Vasto, cittadina della costiera adriatica in provincia di Chieti, in Abruzzo. Il presunto assassino è Vito Papa, 72enne di Castrignano del Capo. La vittima, invece, è una donna di 87 anni di Vasto. L’uomo è stato sedato, in attesa dei provvedimenti dell’autorità giudiziaria.

L’omicidio è avvenuto nella notte tra sabato e domenica nella residenza «San Pio». Pare, stando ai risultati delle prime indagini degli investigatori, che il salentino sia stato accolto nella struttura venerdì scorso. Nulla, però, poteva far presagire quanto è accaduto: sembra, infatti, che nessuno, nella casa di riposo, avesse notato particolari dissapori fra i due anziani.

L’anziano, probabilmente in preda a un raptus improvviso, avrebbe sfilato il trapezio del letto e, con questo, avrebbe colpito a morte l’anziana vicina di stanza. Ad avvertire le forze dell’ordine è stato il personale in servizio nella struttura. La violenta scena sarebbe stata ripresa dal sistema di videosorveglianza, attivo 24 ore su 24 in ogni stanza della moderna della casa di riposo, che opera da dodici anni e ospita decine di ricoverati. La violenza delle ferite riportate alla testa non hanno lasciato scampo alla donna.

I rilievi scientifici sul luogo del delitto sono stati eseguiti dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Vasto, coordinati dal tenente Luca D’Ambrosio. Il magistrato di turno della Procura della cittadina abruzzese, Michele Pecoraro, si è recato nella struttura per verificare di persona quanto accaduto, mentre il dottor Pietro Falco, responsabile della medicina legale della Asl 02 Abruzzo, ha effettuato un esame esterno del cadavere della malcapitata. È stato già disposto il trasferimento della salma presso l’obitorio dell’ospedale di Chieti, dove sarà lo stesso Falco a eseguire, nei prossimi giorni, l’autopsia.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here