Alcuni carabinieri del Comando Provinciale e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, da diversi giorni impegnati sul territorio in quanto componenti di una “task force” dedicata al contrasto del fenomeno della intermediazione illecita e dello sfruttamento del lavoro, nella giornata di ieri, in Casamassima,  hanno proceduto al controllo di un’azienda agricola dedita  alla coltivazione della vite, rilevando violazioni quali:

-omessa informazione e formazione dei dipendenti sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro, (artt. 36-37,  d.lgs 81/2008);

– disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori (art. 14 d.lgs 81/2008)

– impiego di lavoratori subordinati “in nero” (art. 3 d.l. 12/2002);

In particolare sono stati individuati due operai dell’azienda, un 31enne ed un 43enne entrambi extracomunitari,  muniti di permesso di soggiorno,  privi di contratto di lavoro e formazione. Al titolare dell’azienda agricola sono state, inoltre, rilevate anche violazioni alle norme sulla tutela della salute dei lavoratori e di contrasto al lavoro sommerso, per le quali sono state contestate sanzioni amministrative per complessivi euro 9.200,00 e ammende per un totale di 5.200,00 euro.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here