La biblioteca del Museo civico, a Bari vecchia, è oggetto di lavori di ristrutturazione in via di completamento: alloggiata al secondo piano dell’edificio, su una superficie di 106mq che potrà accogliere fino a 40 utenti, rientra infatti nel progetto CoLIbrì (COmmunity LIbrary).

E’ dotata di un patrimonio di testi antichi, prevalentemente di natura storica, che sarà ricatalogato nel corso della nuova gestione e che riguarda la storia dei Bari dal 1800 agli anni Settanta del XX secolo. Gli interventi realizzati, dell’importo di circa 30mila euro, hanno interessato la riqualificazione dei servizi igienici con un bagno a norma per le persone con disabilità, la realizzazione della rete dati, l’adeguamento impiantistico, l’installazione dei condizionatori e la ritinteggiatura delle pareti. Nelle prossime settimane si attende la consegna degli arredi previsti per l’allestimento degli spazi, così che la biblioteca possa aprire al pubblico nei primi mesi dell’anno nuovo.

“Con il progetto Community library – ha dichiarato Paola Romano – abbiamo previsto di allestire e avviare undici piccole biblioteche in altrettanti quartieri della città, per dar vita a nuovi presidi sociali e culturali su tutto il territorio cittadino”. “Il valore delle biblioteche non si esaurisce nella conservazione e nella consultazione dei testi – ha sottolineato Ines Pierucci – ma si accresce quando questi spazi vengono animati, funzionando come luoghi di aggregazione e di incontro per cittadini di tutte le età”.

Nell’ambito delle attività del progetto Colibrì, dopo l’inaugurazione della biblioteca Cagnazzi, a Carrassi, sono in via di ultimazione gli interventi nelle due biblioteche ospitate in edifici vincolati: quella del Museo civico (oggetto del sopralluogo odierno) e quella che aprirà nel complesso del Redentore al quartiere Libertà. Nelle prossime settimane tutti gli altri spazi individuati saranno interessati dall’avvio dei lavori edili previsti, che dureranno in media un paio di mesi.

“COLIBRì – La rete delle biblioteche di Bari” è il progetto del Comune di Bari finanziato dall’avviso regionale Community Library per progetti di qualificazione e rafforzamento dei sistemi bibliotecari pugliesi. Si tratta di un network di biblioteche scolastiche, urbane e di quartiere che il Comune intende costituire in una rete strutturata, organizzata e coerente dal punto di vista dell’identità visiva e degli standard di allestimento, di dotazione tecnologica e di gestione.

I presidi sono distribuiti sull’intero territorio urbano, coinvolgendo 11 quartieri: Catino (Biblioteca di quartiere V. Zito), San Paolo (Biblioteca scolastica Lombardi), Libertà (Biblioteca di quartiere Don Bosco), San Girolamo (Biblioteca scolastica Duse), San Cataldo (Biblioteca scolastica G. Marconi), San Nicola (Biblioteca del Museo Civico), Murat (Biblioteca scolastica Mazzini), Carrassi (Biblioteca di quartiere Cagnazzi), San Pasquale (Biblioteca dei Ragazzi/e), Carbonara (Biblioteca scolastica De Marinis), Japigia (Biblioteca di quartiere Iurlo).

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here