Cabtutela.it
acipocket.it

Presentato questa mattina a Roma e a Milano “Odio L’Estate”, il nuovo film di AldoGiovanni e Giacomo diretto da Massimo Venier. Accanto al trio comico gli attori Lucia MascinoCarlotta NatoliMaria Di Biase e con Roberto Citran e le partecipazioni straordinarie di Massimo Ranieri e di Michele Placido. Il film sarà nelle sale a partire da giovedì 30 gennaio.

Scritto e sceneggiato da Davide LantieriMichele Pellegrini insieme con il regista Massimo Venier e gli stessi Aldo, Giovanni e Giacomo, il film racconta le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane ma, soprattutto, non si prenota la stessa casa. Aldo, Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potrebbero avere delle famiglie e delle vite più diverse: il precisetto organizzatissimo ma con un’attività in proprio fallimentare, il medico di successo alle prese con un figlio in piena crisi preadolescenziale, l’ipocondriaco nullafacente con un cane di nome Brian e la passione per Massimo Ranieri.

Tre vite lontanissime che si incontrano accidentalmente in una piccola isola della costa italiana: stessa spiaggia, stesso mare ma, soprattutto, stessa casa in affitto. Lo scontro è inevitabile e spassosissimo: abitudini diverse, due figli che si innamorano, tre mogli che partono col piede sbagliato ma finiscono per ballare insieme in una sera d’estate e tre nuovi amici alla ricerca di un figlio in fuga. Aldo Giovanni e Giacomo raccontano una storia di amicizia e sentimenti come nella loro tradizione cinematografica più amata.

Prodotto da Paolo Guerra per Agidi Due in collaborazione con Medusa Film (distribuzione) e Sky Cinema Medusa Film, “Odio l’estate” è stato girato per oltre un mese in diverse location della Puglia (Ugento, Santa Cesarea Terme, Otranto, Lecce, San Pancrazio Salentino, Ginosa e Bari) e ha ottenuto con il contributo di Apulia Film Fund della Regione Puglia (399.000 euro) a valere su risorse del POR Puglia 2014/2020 e con il sostegno di Apulia Film Commission. Per la realizzazione del film sono state impiegate 28 unità lavorative pugliesi.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Non l’hanno certo girato qui perché gli piaceva la Puglia ma perché in pratica la Puglia Film Commission gli ha pagato il film con criteri di scelta a noi sconosciuti.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui