Cabtutela.it

Questa mattina i consiglieri dei Cinque Stelle del terzo municipio, Chiara Riccardi e Giuseppe Catalano, sono tornati a far visita ai commercianti di viale Lazio, al San Paolo, per verificare lo stato dei lavori di ripristino dei danni causati dalle fiamme dello scorso 2 gennaio.
“I disagi e lo stato di emergenza stanno mettendo a dura prova gli operatori: un netto calo delle entrate e l’assenza di garanzie per tempi chiari di rientro nella struttura stanno creando un serio rischio per la sopravvivenza delle attività”, dichiarano Riccardi e Catalano.
“Ci era stato garantito il rientro nella struttura nell’arco di un mese” affermano i commercianti; ma i lavori vanno a rilento e sul posto diverse voci riferiscono che negli ultimi giorni si vede un solo operaio all’interno della struttura.

“Sono state vane le richieste di una riqualificazione più seria del mercato; i lavori di rinnovo dell’impianto elettrico e la rinfrescata data con la tinteggiatura delle pareti non sono sufficienti. Pavimento usurato, caditoie intasate, cattivo stato della struttura indicano che ci sarebbe bisogno di ben altro che una semplice pittata! La consegna della struttura in queste condizioni ci metterà poco tempo a tornare in uno stato di degrado. Eppure sono stati previsti 600.000 euro per la manutenzione straordinaria di questo mercato; dove sono finiti?” , continuano i portavoce municipali del M5S.

“Ad oggi, inoltre, nessuna determina è seguita all’impegno politico dell’assessore Palone sulla sospensione del canone di affitto. Una richiesta – aggiunge il consigliere comunale dei Cinque Stelle, Elisabetta Pani – fatta a gran voce a livello comunale e municipale dal Movimento 5 stelle, che in realtà aveva proposto aiuti economici ben più corposi con una sospensione del canone di affitto anche per un periodo successivo al rientro e con sgravi sulla Tari. Ma anche quel poco che l’assessore ha promesso durante la seduta monotematica tenutasi nel Municipio 3, quel poco che sarebbe atto dovuto, ancora non è stato formalizzato. Eppure la Palone aveva promesso la determina entro pochi giorni”.

“Questa mattina abbiamo letto negli occhi dei commercianti tanta amarezza e rassegnazione. Ma noi non ci arrendiamo: ci batteremo e vigileremo affinchè agli operatori mercatali e alla cittadinanza sia consegnata una struttura decorosa e per fare in modo che ci sia l’adeguato sostegno economico per le attività commerciali coinvolte” concludono i consiglieri Riccardi e Catalano.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui