Cabtutela.it

La Muraglia di Bari Vecchia, dal Fortino a Santa Scolastica, si accende con il nuovo impianto di illuminazione artistica realizzato da Enel X. A premere l’interruttore, questa sera, sono stati l’assessore Giuseppe Galasso e il direttore di Enel Italia Carlo Tamburi che hanno inaugurato la lunga fila di luci led, 150 in tutto, sul lungomare Imperatore Augusto all’altezza del fortino Sant’Antonio. L’installazione rende ancora più suggestiva la visuale della Muraglia, simbolo della città medievale e confine dimenticato tra la terra e il mare.

Attraverso la sostituzione dei corpi illuminanti tradizionali con moderni impianti a LED, infatti, è stato possibile far risaltare la profondità spaziale e dare importanza ai volumi e alle linee architettoniche. Il nuovo sistema di illuminazione permette anche di cambiare colore, creando scenari di luce in occasione di particolari eventi e in base alle esigenze del Comune e della Soprintendenza ai Beni Culturali.

“La luce ha il potere di valorizzare edifici e spazi pubblici delle nostre città- ha dichiarato Galasso – cambiando la nostra stessa percezione delle cose, anche di quelle che guardiamo da sempre. Il progetto di illuminazione artistica della Muraglia dimostra come la bellezza possa essere resa ancor più suggestiva da un uso accurato e sapiente delle luci. Da stasera, quindi, Bari si mostra a cittadini e turisti ancora più bella, anche grazie a un sistema di illuminazione a led basato sulla sostenibilità e sul risparmio energetico. Per questo ringrazio Enel X che ha voluto effettuare questo investimento con generosità e grande attenzione per uno degli scorci più incantevoli della nostra città”.
“Siamo estremamente soddisfatti di avere contribuito a realizzare un’infrastruttura innovativa e sostenibile in grado di valorizzare la bellezza di uno dei luoghi più suggestivi della città di Bari” ha commentato Carlo Tamburi, direttore Enel Italia. “Innovazione e sostenibilità sono due cardini della visione di Enel che in associazione alla lungimiranza dell’amministrazione comunale fanno sì che Bari disponga di una nuova illuminazione capace di coniugare efficienza e sostenibilità, tutelando il patrimonio artistico della città”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. La Sovrintendenza dovrebbe vietare la proiezione di luce colorata sui monumenti storici perché ne alterano la cromatica naturale. È un vero obbrobrio carnevalesco.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui