aqp.it
ferrovieappulolucane.it
amgasbarisrl.it

Le persone detenute nel carcere di Bari hanno inviato una lettera al presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, e al ministro della Giustizia, Alfonsoo Bonafede, chiedendo, considerata la situazione di emergenza causata dall’epidemia coronavirus, “l’osservanza delle leggi esistenti per l’accesso ai benefici a coloro i quali rientrano nei termini e nei requisiti, escludendo la discrezionalità dei giudici che potrebbe creare differenze di applicazione tra i diversi tribunali di sorveglianza italiani”.

I detenuti chiedono anche le “dimissioni immediate” del ministro Bonafede che “non ha mai prestato la giusta attenzione a quanto, sin dall’inizio del suo mandato gli era noto”. “Nel corso di una visita alla Casa Circondariale di Bari – spiega il garante regionale dei detenuti, Piero Rossi – richiesta dagli stessi detenuti e svoltasi lo scorso 12 marzo 2020, abbiamo assunto l’impegno a rendere pubblica” la lettera. “La nota, manoscritta dai detenuti ristretti all’interno della prima sezione della Casa Circondariale di Bari, è di fatto – spiega Rossi – una protesta pacifica scritta, inerente al disagio carcerario da loro quotidianamente vissuto.

I ristretti sono consapevoli del difficile momento che l’intera popolazione italiana sta vivendo a causa della diffusione del Virus Covid-19 e non intendono creare ulteriori situazioni di criticità, ma chiedono, una volta terminato questa situazione di crisi, di concentrare l’attenzione e di impegnarsi a risolvere le problematiche esistenti da decenni e che gravano sul sistema carcerario italiano. Condizioni che, in particolari situazioni di criticità, come le attuali, diventano insostenibili”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui