Cabtutela.it

Anche gli asili nido e le scuole dell’infanzia di Bari si sono organizzati per garantire a tutti gli alunni la necessaria continuità didattica ed educativa, attivando a tal fine forme di didattica a distanza. A comunicarlo è l’assessore alle Politiche educative e giovanili, Paola Romano che, in una nota ufficiale, conferma la continuità dei percorsi formativi, seppur da remoto, a seguito della proroga della sospensione delle attività didattiche dovuta alla rapida diffusione del Covid-19 e coerentemente con le indicazioni del MIUR.

“Sappiamo che far stare in casa, a volte in spazi ristretti, bambini molto piccoli per tanti giorni consecutivi non è facile” – ha commentato l’assessore – “sebbene i nidi e le scuole materne non rientrino nell’obbligo scolastico, non vogliamo far perdere ai piccoli le opportunità di apprendimento e le abitudini quotidiane che li legano agli educatori: con la didattica a distanza, utilizzando video, gruppi whatsapp e a volte anche le telefonate, stiamo inviando ai piccoli, dai tre mesi ai sei anni, dei messaggi per far sapere loro che le maestre e le educatrici li aspettano con gioia. Siamo convinti che i giochi da fare insieme con i genitori, le letture, le filastrocche, i disegni per scoprire le figure geometriche e i tanti arcobaleni colorati renderanno più bello il tempo passato in casa, nell’attesa che tutto presto torni alla normalità”. Con questo intento, come i loro colleghi delle scuole primarie e secondarie, anche i docenti e gli educatori delle scuole dell’infanzia di Bari hanno attivato diverse strategie per fornire ai bambini e alle bambine tutti gli elementi necessari per consolidare quanto appreso. L’invito ai genitori è di collaborare quanto più possibile, al fine di far proseguire il processo di apprendimento e di crescita dei loro bambini.

Nella scelta degli strumenti attraverso cui effettuare la didattica a distanza si è tenuto conto di diversi elementi quali la disponibilità di sussidi tecnologici-informatici nelle famiglie, il tempo disponibile e il livello di conoscenze informatico-multimediali dei caregiver, gli obiettivi a breve e a lungo termine della programmazione didattico-educativa e la necessità di evitare una sovraesposizione dei bambini ai dispositivi digitali evitando altresì una fruizione passiva degli audiovisivi e della multimedialità. A queste attività si aggiungono le proposte per piccolissimi che frequentano gli asili nido comunali, fornite dagli educatori del servizio pomeridiano e consultabili sul sito nididibari.org.

 

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui