Cabtutela.it

Depurativi, antiossidanti, utili per la prevenzione del diabete, ma anche efficaci per la salute delle ossa, degli occhi, della pelle e per il funzionamento della digestione. Parliamo dei broccoli, una vera e propria risorsa capace di arricchire le tavole di nutrienti utili per la salute. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Science – condotto dal team Cancer Research Institute del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston dall’oncologo Pier Paolo Pandolfi – tra le numerose proprietà dei broccoli spicca, senza dubbio, la presenza di una molecola in grado spegnere l’enzima WWP1, responsabile della crescita di alcune forme tumorali.

I broccoli, simili a piccoli alberelli, sono dunque un vero e proprio elisir di salute. Bastano cento grammi per assumere, infatti, il 150% dell’apporto necessaria di vitamina C utile per l’organismo. Ma la vitamina del tipo C non è l’unica presente all’interno dei broccoli: essi contengono importanti sali minerali tra i quali zinco e ferro, ma anche vitamine del gruppo B e K. Oltre ad essere ricchi di fibre e perfetti per la lotta al colesterolo, risultano anche efficaci antiossidanti, utili soprattutto per la protezione di occhi (grazie al contenuto di luteina e zeaxantina) e ossa. Inoltre, vengono considerati ottimi nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Dal punto di vista nutrizionale, una qualità dei broccoli riguarda il loro apporto calorico, che li rende adatti per gli sportivi e per tutte le persone che necessitano un maggiore apporto di proteine all’interno del proprio regime alimentare. Per cento grammi di broccoli, infatti, si contano solo 24 calorie, dal momento che questa verdura contiene acqua per circa il 90% del suo peso. Infine, i broccoli sono utili per supportare le funzioni cerebrali.

Grazie ad alcuni nutrienti e composti bioattivi, essi contribuiscono, infatti, al rallentamento del declino mentale e supportano la funzione cerebrale sana, oltre che dei tessuti nervosi. Insomma, una porzione al giorno, per bambini, giovani e anziani, è un vero e proprio toccasana. Tante le tipologie che è possibile trovare in commercio, tra cui le più note sono il broccolo calabrese e quello romanesco. Gli esperti consigliano di consumarli lessi o al vapore per poter rendere efficaci le proprietà nutritive degli stessi, senza scartare gambi e foglie poiché è in essi che si concentrano diverse sostanze importanti come fibre e betacarotene. Al momento dell’acquisto del broccolo, occorre prestare attenzione alla sua consistenza: esso deve essere, infatti, verde scuro (se ingiallito vuol dire che non è fresco) e risultare sodo al tatto, senza sgretolarsi. Il sapore, a seconda del tipo, può risultare dolce o pungente con note amare. Ecco due ricette semplici e appetibili per tutta la famiglia, che comprendono un primo e un secondo con i broccoli.

Pasta con Broccoli e Philadelphia
Pulire i broccoli (senza scartare gambo e foglie), inserirli in un tegame con acqua e portarli ad ebollizione. Non appena risultano morbidi, scolarli, versarli in una ciotola e schiacciarli. Intanto, in una padella, soffriggere – se nei propri gusti – mezzo aglio o mezza cipolla tagliati, entrambi, a pezzettini piccoli. Non appena dorati, inserire all’interno della padella i broccoli. Intanto portare a ebollizione in una pentola l’acqua per la pasta (a seconda dei gusti si possono utilizzare maccheroni o spaghetti). Non appena la pasta è pronta e scolata versarla all’interno della padella con i broccoli, aggiungendo anche la Philadelphia (può essere utilizzata Philadelphia di diverso tipo: light, normale o aromatizzata. Per circa 70 grammi di pasta per porzione, la quantità ottimale è di circa 35 grammi di Philadelphia).  Mescolare il tutto lasciando che si crei un impasto cremoso. Servire caldo, con aggiunta, a proprio piacimento, di olio crudo, normale o piccante.

Crocchette di broccoli fritte o al forno
Lessare i broccoli per una decina di minuti circa. Dopo averli scolati inserirli in una ciotola e schiacciarli riducendoli in poltiglia. Non appena finito inserire all’interno della ciotola pangrattato, parmigiano, uovo (1 per quattro persone), sale e pepe o altre spezie a proprio gradimento (consigliamo aglio in polvere o paprika). Mescolare per bene fino a quando non si ottiene un composto omogeneo. Successivamente formare delle crocchette con le mani. A questo punto si può scegliere se friggerle o cucinarle in forno. Se si sceglie di friggerle, passare le crocchette nell’uovo e impanarle nel pangrattato prima di procedere con la frittura. Se, invece, si sceglie di cuocerle in forno, basta disporle su una teglia e spennellare ogni crocchetta con dell’olio di oliva facendole cuocere a 180° per circa 20 minuti.

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui