Cabtutela.it

“Adesso tocca all’Inps erogare i pagamenti della cassa integrazione in deroga”: lo ha detto l’assessore regionale Sebastiano Leo ascoltato in VI commissione consiliare per fare il punto sulla Cigd. L’assessore ha chiarito che “la Regione Puglia ha terminato la valutazione delle domande pervenute da parte delle aziende”. In definitiva su 36.768 domande pervenute, la Regione ha istruito, valutato e inoltrato ad Inps 33.102 pratiche che corrispondono a 125 mila lavoratori che dovrebbero beneficiare dell’ammortizzatore sociale in deroga. Sono quasi più di tre mila le domande cha sono rimaste da inoltrare, ma sono quelle da integrare o errate. L’assessore Leo ha rassicurato la commissione che la Puglia ha a disposizione 210 milioni di euro, risorse sufficienti per far fronte alle richieste attuali e andare oltre, se si pensa che per le oltre 36 mila domande sono stati impegnati 154 milioni di euro. Leo ha aggiunto che “è necessario e urgente semplificare le procedure della deroga, strumento per abbreviare i pagamenti, tant’è che si sta pensando di bypassare le Regioni e superare le procedure esistenti, per arrivare a un raccordo diretto tra lavoratori e Inps”.

Durante l’audizione, Leo ha contattato telefonicamente il direttore regionale dell’Inps, Giulio Blandamura, che in diretta è intervenuto spiegando che in tutto ad oggi sono pervenute più di 200 mila pratiche che comprendono richieste per ammortizzatori sociali tra Cigo, Cigs, Cigd e Fis. Di questi ad oggi, ha aggiunto il direttore, sono stati erogati in tutto 59 mila pagamenti, ma solo di cassa in deroga sono precisamente 13.442 le prestazioni pagate rispetto ai 125 mila lavoratori aventi diritto. Blandamura ha annunciato che l’obiettivo che l’Inps si è posto è di “raggiungere quota 40/45 mila pagamenti a settimana e cercare di completare entro un mese l’erogazione, alla luce della situazione attuale”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui